In uno de miei ultimi viaggi negli Stati Uniti sono andato in Florida con lo scopo di per scoprire cosa vedere a Miami e cosa attragga cosi tanti turisti in ogni periodo dell’anno.

Palme altissime, spiagge mozzafiato, mare cristallino e feste a tutte le ore del giorno e della notte rendono Miami una delle mete turistiche più ambite dai viaggiatori di tutto il mondo. Aggiungi a tutto questo un amico che si è trasferito là e che ti mette a disposizione la sua camera degli ospiti e diventa impossibile resistere alla tentazione di passare una settimana nella calda capitale della Florida.

South beach - Cosa vedere a Miami

South beach – Cosa vedere a Miami

Viaggio in Florida, cosa sapere
prima di partire.

L’estate a Miami dura tutto l’anno ma il caldo eccessivo e gli uragani in Agosto e Settembre rendono i mesi invernali i migliori per poterla visitare.
La Florida a Maggio, quando sono riuscito ad andare io, è un po’ da considerarsi un mese limite, le temperature iniziano ad essere alte ma ancora si riesce a respirare senza doversi rifugiare in qualche locale climatizzato.
Atterrati in aeroporto la soluzione migliore per spostarsi ovunque dobbiate andare è Uber. Non ho trovato altre città nel mondo dove questo servizio sia così economico come a Miami. Con la funzione UberX (corse condivise con altri passeggeri) riuscirete a pagare corse di 10-15 minuti solamente 4-5 dollari per due persone!

La città di Miami

La città di Miami si divide fondamentalmente in due aree: quella più interna della città vera e propria di Miami e Miami Beach famosa per le sue spiagge sconfinate.
Essendo stato ospite non sono in grado di dare consigli riguardo gli hotel ma posso dirvi che Ocean Drive, il lungomare di Miami Beach, ne è letteralmente tappezzato con soluzioni per ogni gusto ed esigenza.

Sempre affollata di gente che ne popola la miriade di ristoranti e locali questa strada è il vero cuore pulsante della città. Si sviluppa lungo l’intera costa dividendo hotel, ristoranti e bar dai giardini pieni di palme che fanno da ingresso alla spiaggia.

Cosa vedere a Miami

Il mare è sicuramente una delle attrazioni principali qua. La spiaggia ha una larghezza impressionante ed è in gran parte “libera” se non per le mitiche torrette dei guardia spiaggia, che sorgono a distanza regolare, e per alcune strutture che noleggiano ombrelloni e lettini.

I colori dell’acqua sono quelli caraibici con sfumature che vanno dal verde all’azzurro. Spesso mosso a causa del frequente vento il mare resta sempre pulito ed è impossibile resistere dal tuffarsi in questo paradiso!

Un’ottima passeggiata che vi consiglio di fare è quella per raggiungere l’estremità sud della spiaggia dove sorge il molo “South Point Pier”.

Oltre a permettervi di esplorare l’intera area ed i suoi giardini vi ripagherà con una bellissima vista del lungo mare nella sua interezza con alle spalle lo skyline dei grattacieli.

Cosa fare a Miami

Le cose da fare a Miami Beach sono infinite. Ai più sportivi come me non mancheranno le palestre dove allenarsi, direttamente sulla spiaggia e gratuite. Per tutti poi la possibilità da accedere ad ogni attività acquatica immaginabile, dalle lezioni di surf alle corse sui motoscafi.

Feste a Miami

Ci sono poi le feste, impossibile non parlarne. Miami offre la possibilità di far festa in ogni modo possibile. Dalle feste in piscina organizzate dai grandi alberghi durante i fine settimana (nella foto la mia faccia mentre stavo per lasciarne una sul più bello per raggiungere l’aeroporto e prendere il mio volo di ritorno) ai locali di Ocean Drive che offrono ogni genere di serata per soddisfare i gusti di tutti.

Wynwood Art Distric

Piacevolissima sorpresa, che consiglio a tutti di non perdere, è il Wynwood Art District. Quello che fino a pochi anni fa era un quartiere poco raccomandabile della città è stato trasformato nella più grande galleria d’arte a cielo aperto del mondo.
I vecchi edifici, perlopiù industriali, sono ora ricoperti da enormi e coloratissimi murales e gli spazi occupati da oltre 70 diverse gallerie che tutti i secondi sabati del mese offrono un’apertura straordinaria fino a tarda notte.

Key West, da non perdere!

Per un viaggiatore incallito come il sottoscritto non esiste paradiso che possa trattenere la sua voglia di esplorare…
Complice l’essere lasciato solo dall’amico, che doveva lavorare, dopo tre giorni mi sono trovato in un autonoleggio da cui sono uscito a bordo di una Mustang GT decappottabile rosso fuoco con la quale mi sono lanciato ad esplorare la Florida.

Arcipelago delle Keys

La prima meta scelta è stata Key West. Ultima delle isole che compongono l’arcipelago delle Keys è una piccola oasi molto ben curata, ricca di storia e dal mare stupendo.

A rendere imperdibile questa visita è però la strada per raggiungerla. La Overseas Highway attraversa le principali isole dell’arcipelago collegandole fra loro con lunghi ponti che corrono a pelo d’acqua su un mare dai colori fantastici. Uno spettacolo unico che vale da solo tutto il viaggio.

Disney World, un mondo incantato

Credo che il titolo da solo sia sufficiente e non serva aggiungere altro. A dire il vero però quando mi sono messo alla guida verso la città di Orlando avevo deciso di non fare tappa nei parchi a tema dedicati al mondo animato ideato da quel geniaccio di Walt Disney.

Cosa ci va a fare un ragazzone di 35 anni da solo in mezzo ad una marmaglia di ragazzini urlanti? E poi il prezzo, più di 100 dollari per l’ingresso ad uno solo dei cinque parchi che compongono il complesso! Mi sembravano veramente troppi…

 

Ringraziando il cielo le poco più di 3 ore di strada mi hanno fatto ricredere perché mi sarei perso una delle esperienze più belle della mia vita.
Avendo un solo giorno a disposizione mi sono dedicato a Magic Kingdom, la più classica delle scelte, con castello di Cenerentola e tutto il resto.

Non solo i ragazzini non mi hanno infastidito come temevo ma come per magia dopo pochi minuti ero tornato uno di loro! Un’atmosfera davvero magica mi ha accompagnato per tutta la giornata che si è conclusa al tramonto con uno spettacolo pirotecnico unico e indimenticabile.

Kennedy Space Center

Poco lontano da Orlando si trova Cape Canaveral dove sorge la base della NASA da cui partì la celebre missione Apollo 13 che portò il primo uomo sulla luna.

La base oggi è stata trasformata in un museo. Oltre a prenotare un tour in quelle che sono state le sale di controllo di quei momenti che hanno fatto la storia, il centro permette ai visitatori una lunga serie di attrazioni molto interessanti. Potrete così ammirare uno dei due shuttle ancora esistenti (ma ormai in pensione) e provare, grazie ad un simulatore, le stesse emozioni provate dagli astronauti durante un decollo.

Astronauti che avrete poi anche il piacere di incontrare. Sentirmi raccontare (ahimè avrete bisogno di un discreto livello di inglese) l’esperienza di volteggiare in assenza di gravità da chi ha avuto la fortuna di vivere queste esperienze e poter interagire con lui con domande e curiosità mi ha fatto un poco sentire come se fossi stato lassù anche io.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter
Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email. Tanti consigli di viaggio ti aspettano!
Si, voglio iscrivermi!
No Grazie!
(Visitato 27 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)