Mary Poppins musical a Milano. Tutto può accadere se ci credi

Home » Destinazioni » Europa » Italia » Lombardia » Provincia di Milano » Milano » Mary Poppins musical a Milano. Tutto può accadere se ci credi

Il Musical di Mary Poppins è stato la ciliegina sulla torta del nostro ultimo viaggio a Milano. Già da mesi avevamo fissato alcuni appuntamenti di lavoro nel capoluogo Lombardo e un importante seminario di tre giorni al quale Alberto ed io dovevamo partecipare.
Vista la durata del soggiorno, anche Ornella e Valerio sono venuti con noi per approfittare delle pause dell’Inbound Strategies.

Mia moglie, che non appena sente parlare di viaggio comincia in maniera compulsiva a cercare ogni opportunità su internet, mi telefona solo dopo poche ore in ufficio con voce entusiasta dicendo che sarebbe venuta a Milano solo se fossimo andati a vedere Mary Poppins, il nuovo musical sbarcato solo il 22 febbraio in Italia.

Attaccato il telefono, seppur sia un amante della tata più famosa del mondo, guardo Alberto che senza farmi nemmeno parlare esclama: “Se non ci vieni tu, ci vado io con lei!”
Non ero così convinto, ho molti pregiudizi nei confronti dei musical italiani e poi dopo aver guidato tre ore, dopo una giornata di intenso lavoro ero certo di non poter sopravvivere e di addormentarmi durante lo spettacolo, ma sono bastati i primi 5 minuti per farmi ricredere.

In giro per Milano
aspettando di andare a Teatro

La grande città ci accoglie ostile con lo sciopero generale dei mezzi, e ora come facciamo?

Enjoy eni

Fiat 500 Enjoy ENI

Usciti dai nostri impegni lavorativi a Sesto San Giovanni, l’idea era quella di vedere il nuovo quartiere di Milano e poi per tempo andare a prendere posto per lo spettacolo. La grande città ci accoglie ostile con lo sciopero generale dei mezzi, e ora come facciamo?
Assolutamente da escludere l’idea di prendere la nostra macchina, taxi e Uber circa 40 euro per l’andata, la metro ferma. Optiamo per Enjoy uno dei servizi di car sharing presenti in alcune città italiane.
A Milano ci sono 650 fiat 500 rosse parcheggiate lungo le strade cittadine che puoi noleggiare semplicemente con un’app sul tuo telefonino. Promosse da ENI, possono essere prenotate facilmente: Cerchi l’auto sulla mappa, la trovi, con il tuo cellulare la apri e il gioco è fatto. 10 centesimi al minuto! Puoi entrare nelle ztl, la parcheggi dove vuoi e dopo 5 minuti un altro se l’è già presa.

Arriviamo nella nuova area sviluppata con Expo vicino a Porta Garibaldi. Milano fino ad allora era a mio avviso molto lontana dalle metropoli europee, l’unico grattacielo era il Pirellone, ma ora è diverso.
La zona è ora un insieme di grandi palazzi tra i quali, di straordinaria bellezza, il grattacielo Unicredit e il Bosco Verticale; il tutto raccordato da piazze con fontane, sculture un auditorium completamente costruito in legno. Per capirci l’area è paragonabile ad una piccola Canary Warf di Londra.


 

Visto che non ero stanco (naturalmente ironico) abbiamo percorso a piedi la strada che ci separava da Piazza Duomo (circa 3 km), godendo della Milano della Moda con Corso Como e via Monte Napoleone; della Milano del Design di Brera, fino ad arrivare alla magnificenza del Duomo e della Galleria.

È giunta così l’ora di avvicinarsi al teatro, mega fila per prendere il taxi, ma arriviamo con un buon anticipo per ritirare i nostri biglietti. Prima di entrare non poteva mancare il classico aperitivo della “Milano da Bere” e poi finalmente al Teatro Nazionale.


Mary Poppins, lo spettacolo più bello
che abbia mai visto

teatro nazionale milano

Mary Poppins al teatro Nazionale di Milano

No, non sto scrivendo un articolo a pagamento. Sono rimasto così entusiasmato che voglio condividere la mia esperienza. Qualche spettacolo l’ho visto, ma questo li supera tutti, una produzione che ha avuto costi altissimi, ma tutto si spiega gustandolo.
Il teatro era Sold Out anche stasera, la misura di quello che sarebbe successo si capisce subito dal fatto che le colonne sonore sono suonate da una grande orchestra dal vivo rigorosamente nella buca!

 

Il musical, originariamente prodotto da Disney Theatrical Productions e Cameron Mackintosh, è in scena per la prima volta in Italia in lingua italiana e la versione teatrale di Mary Poppins è un riadattamento dei meravigliosi racconti di P.L. Travers e dell’amato film di Walt Disney con Julie Andrews del 1964 che vinse ben 5 Oscar e che avrà un suo sequel a fine del 2018.

 

 

La storia magica della tata più celebre del mondo è magistralmente rappresentata in uno show fatto di incredibili effetti speciali e coinvolgenti coreografie, ma soprattutto canzoni indimenticabili che tutto il pubblico canticchiava durante lo spettacolo.

La produzione originale di “Mary Poppins” ha debuttato nel West End a Londra nel 2004 e a Broadway nel 2006. Lo show è andato in scena anche in Australia e Nuova Zelanda e una versione tour ha girato negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Lo spettacolo è stato visto da più di 11 milioni di persone.

Mary Poppins è prodotto da Thomas Schumacher per Disney Theatrical Productions, la divisione di Disney che ha portato a teatro i grandi classici. La produzione italiana dello show è di WEC, Disney Theatrical Productions e Cameron Mackintosh hanno supervisionato ogni aspetto anche di questa versione italiana del musical.

La nostra posizione in teatro era ottima, il costo non troppo economico, ma gli uomini di marketing direbbero: Rapporto qualità/prezzo ottimo.
Non saprei trovare una pecca: musica, coreografie, effetti luce erano spettacolari. In altri musical mi sono imbattuto in cali mostruosi delle performance vocali degli attori, qui no! Via dei Ciliegi, 17 e la casa dei Banks sono ottimamente rappresentati.
Mary Poppins (Giulia Fabbri), la signora Banks (Alice Mistroni), la signorina Andrew (Lucrezia Zoroddu Bianco) avevano voci bellissime e potenti. Anche il piccolo Michael Bank, inerpretato da Alessandro Pinto, seppur con voce non formata e a volte insicura, rappresentava a pieno l’età del personaggio.

Mary Poppins il musical. © Photo: Franco Pinna

© Photo: Franco Pinna

Giulia Fabbri (Mary Poppins) ha proprio il physique du rôle per la parte, anche nella fisionomia assomiglia tantissimo a Julie Andrews e la recitazione la ricorda molto.

Non abbiamo fatto altro che cantare, applaudire e commuoversi per tutta la durata dello spettacolo.
Per me che ho visto molte volte il film è stato come tornare bambino. Sulle note di una canzone intonata da uno spazzacamino o vedendo entrare in scena la vecchietta dei piccioni, è stato immediato immedesimarsi nei personaggi e rivivere le scene del film nella magia del palcoscenico.

Conosco un tizio con una gamba di legno di nome Smith!
e come si chiama quell’altra gamba?

Zio Albert

Pensavo che a questo punto sarebbe potuto accadere di tutto su quel palco, ma non avevo considerato che quattro persone che volteggiano in aria non è realizzabile senza l’invenzione dell’antigravità.
Quindi questa scena del film non c’è nell’adattamento teatrale.

 

 

Chi non ha mai sognato almeno una volta di cantare “Un poco di zucchero” o “Supercalifragilistichespiralidoso” insieme a Mary Poppins, di camminare con lei sui tetti della città, di vederla volare in alto, davanti ai nostri occhi, con il suo buffo ombrellino in mano?

Ai saluti finali Alberto in piedi elargiva baci e saluti verso il palco in stile Wanda Osiris e tutti visibilmente commossi ma con il sorriso a trentadue denti siamo usciti canticchiando!

La domanda è: Mary Poppins vola?
Non posso spoilerare, perciò dovrete andare a vedere
lo spettacolo!

Per maggiori informazioni e acquistare i vostri biglietti CLICCA QUI


Mary Poppins Il Musical

Mary Poppins

Iscriviti alla Newsletter
Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email. Tanti consigli di viaggio ti aspettano!
Si, voglio iscrivermi!
No Grazie!
(Visitato 451 volte. Solo oggi ci sono state 4 visite a questo articolo)
By |2018-03-19T17:28:04+00:00marzo 17th, 2018|Milano|0 Comments

About the Author:

Paolo Salvetti, toscano DOC, vivo a Massarosa in provincia di Lucca, classe 1972. Curioso di natura, mi piace sperimentare, scoprire, innovare. In viaggio molto spesso per lavoro, qualche volta per diletto insieme a mia moglie Ornella. Ci piace fare viaggi che ci sorprendano anche in zone vicine a noi. Il nostro modo di condividere l'esperienza è portare a casa le specialità gastronomiche dei luoghi e gustarle insieme agli amici più cari.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter
Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email. Tanti consigli di viaggio ti aspettano!
Si, voglio iscrivermi!
No Grazie!
close-link

SCARICA GRATIS
LA GUIDA GALATTICA PER LUCCA COMICS AND GAMES 2018

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratis l'imperdibile guida "unofficial" scritta direttamente da chi la vive ogni anno da più di 25 anni
SCARICA GRATIS
close-link