Montefegatesi e il busto di Dante

Cosa accomuna Montefegatesi, un piccolo paese montano e il più grande poeta italiano, Dante, di cui quest’anno ne ricorrono i 700 anni dalla sua scomparsa?

Un’accoppiata che non ti aspetti, curiosamente sorprendente.

Il paese di Montefegatesi in Garfagnana è stata una scoperta che abbiamo fatto quasi per caso.

Era la base di partenza per una escursione verso PRATO FIORITO, uno dei monti appennini che circondano il paese, dopo esserci fermati, strada facendo, ad ammirare il famoso Ponte del Diavolo.

Dobbiamo ammettere la nostra ignoranza, mai avremmo immaginato che quel paesino arroccato su uno sperone di roccia si rivelasse una meravigliosa sorpresa, che vado a raccontarvi.

Montefegatesi dove si trova

Montefegatesi è una piccola frazione del comune di Bagni di Lucca, nel cuore dell’Appennino Tosco-Emiliano, in Garfagnana.

Si trova a 842 metri sul livello del mare e dista un’ora di auto sia da Lucca che da Castelnuovo Garfagnana.

Una cartina della zona

L’origine del nome Montefegatesi

Appena si pronuncia il nome del paese non può non venirci in mente il fegato.
Ed è proprio a lui che dobbiamo fare riferimento, in particolare al suo colore, una particolare tonalità di rosso. Il rosso fegato, appunto.

Sembra che tutto abbia inizio dal colore delle zolle di argilla che si trovano in questa zona, terra ricca di ferro, di un rosso intenso, scuro, che ricorda quello del nostro organo interno.

Alla valle sottostante lo sperone di roccia che ha accolto le prime case del paese, è stato dato il nome di “Fegana” così pure al fiume che vi scorre.

Gli abitanti furono chiamati “feganesi”, e la roccia che accolse quel primo agglomerato divenne il “monte dei feganesi”.

Da qui il passo fu breve e nacque così il paese di Montefegatesi.

La storia di Montefegatesi

Il paese è ben conservato, le case, o almeno la maggioranza, sono in pietra.
Vi si respira un’aria antica, fatta di sacrifici e di lavori umili.

Una vita inconcepibile per noi abitanti di città, lontano dalle comodità e dagli svaghi.

Nella piazza principale troviamo un busto di bronzo dedicato a Giuseppe Garibaldi e subito dopo a Vittorio Emanuele II.

Uno scorcio del paese
Un giardino del paese

Ma è in vetta al paese, dove una volta sorgeva la fortezza, dove la vista si apre tutto intorno sui monti Rondinaio, il Mosca, Tre Potenze, Coronato e il bellissimo PRATO FIORITO che troviamo il busto dedicato a Dante Alighieri, preso a simbolo spirituale e morale. È il monumento, a lui dedicato, più alto al mondo.

Perchè il busto di Dante si trova a Montefegatesi?

Ma perchè si trova lì? Perchè i Montefegatesi gli hanno voluto rendere omaggio?

Il monumento dedicato a Dante

Il monumento risale al 1908. Fu costruito ed eretto anche con il denaro mandato dagli abitanti del paese che erano emigrati in cerca di lavoro in America e Australia.

Se non aveste mai superato la cerchia dei vostri monti, non avreste eretto sulla vostra piazza le immagini di Dante e di Garibaldi.

Ma fuori dall’Italia, nel vasto mondo lontano da qui, il vostro occhio si è allargato alle meraviglie della civiltà, un sentimento di fratellanza più sereno e lato ha preso le anime vostre, avete sentito che sia progresso, avvenire, unione spirituale di tutte le genti, ma insieme lungi da lei, avete sentito la patria, l’Italia madre…”

Così recitava il giovane professore universitario Augusto Mancini nel discorso ufficiale il giorno dell’inaugurazione del monumento.

E ancora:

L’amore per l’arte e per la patria, che sebbene relegata per ironia del destino a vivere sopra le più alte balze dei nostri monti, ha affermato più volte il proprio nobile sentimento di italianità…”

Che belle parole…

All’estero i cittadini di Montefetegatesi hanno appreso quanto il mondo debba all’Italia, quanta luce di pensiero abbia donato e quindi ritornati italiani nella terra natia hanno voluto inoltrare nella roccia dove tuonò folgore di guerre fraticidie i simboli soli dell’Italia…”

Orrido di Botri e la bocca dell’inferno

Ma questa reverenza ad un grande d’Italia, oltre a far progredire quella piccola comunità montana con orgoglioso e fraterno spirito di un sano patriottismo, non racconta forse il caso che proprio da Montefegatesi, Dante, ghibellino fuggiasco, si sia fermato e trovandosi di fronte l’imbocco del vicinissimo Orrido di Botri prese spunto per scrivere l’Inferno della sua Divina Commedia? Pare propiro che non sia un caso.

Dante si fermò nel paese e girovagando nei dintorni si ritrovò davanti a questa sinistra spaccatura d’altissime rocce che non raccoglieva i raggi del sole.

L’Orrido di Botri

Scattò la fantasia del poeta, e chissà per quanto rimase incantato a fissare la fenditura buia e scura di cui non se ne vedeva lo sbocco, e chissà se mosse cauti passi all’interno di esso.

Lasciate ogni speranza, o voi ch’intrate…”

Recita la scritta sulla porta dell’Inferno del sommo poeta, parole che avrà pensato mentre sostava all’imbocco dell’Orrido di Botri, questa spettacolare e aspra gola calcarea, scavata nella roccia dal torrente Rio Pelago.

Un canyon che richiama turisti e avventurieri, da visitare in determinati periodi dell’anno, al seguito di una guida.

…ma torneremo a riveder le stelle”

Sono le parole conclusive, un magnifico inno alla speranza.

Veduta di Montefegatesi dall’alto del paese
Un’altra visuale del paese
(Visitato 74 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su WhatsApp
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest
Condividi su pocket
Salva su Pocket
Condividi su email
condividi via email
Condividi su print
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice