Dove mangiare a Londra

Home » Destinazioni » Europa » Inghilterra » Londra » Dove mangiare a Londra

 Già sento denti digrignare e l’impercettibile suono dei capelli che si rizzano sulla testa: piatti tipici londinesi? Ma lo sanno tutti che la cucina inglese non è buona! Ok, allora lasciate che vi convinca del contrario!

Piatti tipici londinesi

 

Ora, non voglio dire che tutta la cucina inglese è buona, ma vi assicuro che Londra, che è una città immensa e offre il meglio che si possa trovare a tutti i livelli, ma soprattutto a quello gatsronomico, ha davvero moltissimo da offrire in quanto a cibo! E no, non sto parlando dei ristoranti pluristellati di Gordon Ramsey e Jamie Oliver, anche se ovviamente niente vi vieta di accendere un mutuo e andare a mangiare da loro… Scherzi a parte, mangiare bene spendendo poco a Londra si può, quindi fidatevi e venite con me in questo tour gastronomico della capitale britannica!

Le famose “Pies” inglesi, uno dei piatti tradizionali britannici. Potete trovarli spesso ai mercati di quartieri come il Borrough Market o anche in negozi specializzati


Dove mangiare a Londra

Cominciamo proprio dai locali tipici inglesi, che sono anche i meno conosciuti tra i turisti. In realtà è molto più semplice affidarsi a una delle grandi catene di ristorazione presenti su tutta l’area urbana, ma perché non provare qualcosa di diverso e unico? Ad esempio, osare ed entrare in uno dei tanti pub tipici, frequentati quasi esclusivamente dalla fauna locale, e cenare insieme a loro! La mia esperienza personale ci porta al The Troubadour, un locale fondato nel 1954 che non è solo un pub-ristorante, ma anche un vivacissimo punto di ritrovo del panorama musicale jazz e indie della capitale. Quasi tutte le sere, infatti, con un piccolo extra è possibile assistere a sessioni di artisti veramente molto bravi. Ma veniamo al cibo: il menu che offre questo accoglientissimo locale spazia dagli antipasti a base di formaggi, olive, hummus e avocado alle tipiche zuppe di carne e verdure, agli hamburger, alla carne alla griglia con contorno di verdure cotte o insalate. Ma se volete davvero provare un piatto tipico londinese dovete assolutamente ordinare bangers and mash, proprio con questa accezione. Si tratta di salsicce in umido con puré di patate, ma cucinati in modo particolare, un po’ pesante in verità, ma non vorrete fare a meno di un’esperienza gastronomica da veri londoners, no?

Un’altra esperienza che vi consiglio non riguarda pranzo o cena, ma il classico té delle cinque. Anche qui c’è solo l’imbarazzo della scelta: basti pensare che i più rinomati hotel e grandi magazzini nel pomeriggio offrono té con spuntini dolci e salati di contorno. Anche in questo caso, potete concedervi una “botta di vita” e godervi il lusso dell’hotel Ritz o di Fortnum & Mason, ma io l’ultima volta che ho visitato Londra ho deciso di recarmi con amici e figlia in un luogo molto particolare: il famoso “bar dei gatti”! Si chiama Lady Dinah’s Cat Emporium, e offre un afternoon tea di tutto rispetto, con la particolarità che viene gustato in mezzo a un nutrito gruppo di mici che abitano nel bar stesso. Ovviamente non c’è solo ed esclusivamente té, ma è possibile ordinare anche vari tipi di caffé (proprio come in un bar) e di bibite, ma noi abbiamo optato per la versione più tradizionale, scegliendo il nostro té da una raffinata lista che includeva l’Earl grey, il Sencha, il Rooibos e il Darjeeling, più alcune miscele “della casa”. Oltre alla bevanda calda, viene servito anche un vassoio a più piani ricolmo di dolcetti (tra cui muffin e i tipici scones, da gustare con la marmellata) e tramezzini salati. Tutto, devo dire, veramente molto buono. Ovviamente se vi recate al Lady Dinah’s non potete che essere amanti dei gatti, quindi questa esperienza vi lascerà davvero un piacevolissimo ricordo!


Street food e prodotti tipici inglesi

Non volete fermarvi troppo a lungo in un locale per mangiare? Fate come me e dedicate la vostra attenzione alle miriadi di banchetti e piccoli locali che costellano tutta la zona del Camden Market o del Borough Market. Il primo è il vero e proprio paradiso dello street food, con una zona specificamente dedicata a livello del Camden Lock. Ovviamente moltissimi sono etnici, quindi potrete sbizzarrirvi a scegliere tra cucina malese, filippina, messicana, spagnola, thai, greca… Ma visto che stiamo parlando di cucina londinese, perché non provare gli spettacolari piatti del The cheese bar? Qui tutto, ma proprio tutto, è a base di formaggio: toast, panini, fonduta, mozzarella fritta, pasta, insalate, sformati, pasticci… Per quanto riguarda il Borough Market, questo è il posto migliore in cui trovare i migliori cibi tradizionali inglesi. Ogni volta che ci vado scatto centinaia di foto (alcune delle quali potete vedere qui), perché i prodotti in vendita non sono solo buonissimi, ma anche una gioia per gli occhi! Troviamo banchetti dedicati alla panetteria e ai dolci, così come quelli che vendono esclusivamente formaggio (tra cui il Cheddar, lo Stilton, lo Shropshire Blue, lo Swaledale e il Dorset Blue Vinney), altri specializzati in salumi, alcuni che offrono i tipici pie salati inglesi (ad esempio il pork pie, a base di carne di maiale, il lamb shanks pie, con agnello, il chicken and leek pie, di pollo e porri, e il rump beef pie, con manzo). Da menzionare anche le scotch eggs, uova alla scozzese in un guscio di formaggio e salsiccia, e molti piatti pronti a base di cacciagione, particolarmente apprezzata dai consumatori anglosassoni.

Altro piatto tipico inglese da non perdere è il fish and chips: filetti di pesce, generalmente merluzzo, fritti e con contorno di patatine. Ci sono molti locali che offrono questo gustoso mix, ma pochi dedicati quasi esclusivamente ad esso. Uno di questi è Poppies Fish & Chips, dove perfino io che non mangio pesce ho gustato un fritto da mille e una notte! Il merluzzo servito è bianco  (quindi senza quei filettini marroni che rovinano vista e gusto) e cotto alla perfezione, le patatine croccanti al punto giusto e una miriade di salsine con cui condire il tutto. Il locale serve anche altri tipi di piatti di mare, fritti e non, come scampi, calamari e zuppe di pesce.


Hamburger in tutte le salse

Hamburger non è solo sinonimo di fast food! Ci sono molti locali che propongono la classica “svizzera” cucinata nei più svariati modi, ma io prediligo il Giraffe che, in effetti, fa parte di una catena di ristorazione. Il mio locale preferito si trova all’Old Spitalfields Market, perché qui è possibile mangiare all'”aperto” anche in pieno inverno, visto che comunque si sta al riparo nel grande mercato coperto! I “burgers” che offrono portano nomi altamente evocativi: The classic, l’orientaleggiante The vada pav, lo Smoky Joe, il Rodeo chicken, il Texan BBQ brisket e The ultimate Giraffe, con la salsa della casa. Per chi non mangia carne, Giraffe serve anche ottime insalate e tapas.


Ristoranti etnici a Londra

Impossibile parlare di cibo a Londra senza menzionare i locali etnici presenti in tutta la città! Ma visto che sono migliaia, mi soffermerò a descrivere solo quelli in cui ho mangiato io.

Cominciamo dalla cucina greca: ogni volta che visito Londra vado almeno una volta a mangiare al The real Greek, una catena che offre la cucina mediterranea fresca e speziata tipica della Grecia. Il mio punto preferito è quello sulla South Bank, la riva sud del Tamigi, vicino alla Tate Modern. Non manca proprio niente: dagli antipasti con le tipiche salse a base di yougurt, melanzane, menta e olive, all’immancabile feta ai dolmades, gli involtini di figlie di vite e riso, per arrivare alla carne (pollo, maiale, manzo e agnello) servita sotto forma di souvlaki (piccoli spiedini aromatizzati), polpette e wraps (un po’ come la nostra piadina ma iperfarcita!). Non  mancano nemmeno le tiropita, tortine di sfoglia a base di feta, con alcune ottime varianti, tra cui quella agli spinaci. Il mio consiglio è quello di prendere un menù composto, che viene servito su tipici vassoi a più piani, da cui tutti i commensali possono servirsi. Non dimenticate di ordinare la pita, il pane non lievitato, a parte. Per finire, datevi ai dolci: ottima la baklava, un dessert a base di pasta fillo e frutta secca, ma anche lo yogurt con miele e noci.

Per quanto riguarda la cucina messicana, consiglio il Wahaca: anche in questo caso vi sono vari locali sparsi per Londra: spettacolare la location in riva al Tamigi, ricavata da alcuni container sovrapposti. Il menù offre i più disparati tipi di burritos, enchiladas, tacos, tortillas con l’immancabile guacamole e i fagioli neri a contornare il tutto! Questa cucina è abbastanza “addomesticata”, nel senso che non è eccessivamente piccante, quindi va bene per tutti, bambini compresi. Simpatico cadeau per tutti i clienti: una piccola confezione del tutto simile a quelle dei fiammiferi, ma contenente semi di peperoncino Habanero. Li ho piantati e sono venuti!

Come forse avrete intuito, a me piace mangiare piccante. Molto piccante.

Diciamo atomico, forse rendo l’idea… Ma non ero mai rimasta soddisfatta dai piatti servitimi con la descrizione spicy: non lo erano mai abbastanza! Poi un giorno ho trovato l’Addie’s thai a Earl’s Court, un locale con un design moderno il cui motto è eat like a local, mangia come un nativo. Ho ancora in mente la scena: arriva il cameriere a prendere le ordinazioni, io e gli altri amici italiani chiediamo la zuppa tom sabb, a base di pollo, erbe e spezie, che sul menù compare con tre peperoncini accanto al nome.

 “Guardate che è molto piccante” ci avverte il cameriere. “È quello che cerchiamo” rispondo io.

“Guardate che è molto piccante” ci avverte il cameriere. “È quello che cerchiamo” rispondo io. Lui mi guarda con aria di sfida e un sorrisetto divertito e non aggiunge altro. Quando arriva il cibo assaggio: caspita, finalmente ho trovato pane per i miei denti! Non è molto piccante, è mostruosamente piccante. E mi piace. Quando il cameriere torna e vede le scodelle vuote fa una faccia che non dimenticherò mai: sgrana gli occhi e apre la bocca, ma non dice niente. Chiara-cucina tailandese piccante: 1 a 0! Ma non preoccupatevi se le vostre papille gustative non sono a prova di bomba: questo ottimo ristorante serve molti altri piatti a base di pollo, gamberi, verdure e spezie tipiche che sono veramente adatti a tutti.

Restiamo nella cucina asiatica: se vi piace quella indiana non potete non provare il Masala Zone! A partire dagli interni curatissimi, questi locali che si trovano in tutta Londra, offrono un’ esperienza a 360°, che coinvolge tutti i sensi. Se siete amanti del curry e affini, questa catena offre il “vero street food indiano”, con ottimi piatti a base di riso, verdure, carne e pesce conditi con salse aromatiche veramente spettacolari. Molto piacevole anche l’impatto visivo: arrivano larghi vassoi di metallo su cui le varie portate sono disposte in modo a dir poco coreografico, in un tripudio di colori, aromi e sapori veramente eccezionale.

Se volete provare anche il cibo vietnamita, leggete anche un mio precedente articolo, in cui parlo del miglior ristorante vietnamita della città: Viet Food.

Nell’ultimo viaggio a Londra ho voluto provare anche la cucina libanese…

Nell’ultimo viaggio a Londra ho voluto provare anche la cucina libanese, e sono rimasta molto soddisfatta di Orjowan lebanese, un piccolo locale dall’aspetto classico, quasi sottotono, che si trova a Earl’s Court. Anche se sembra scontato, non mancate di assaggiare il loro eccezionale hummus, cucinato con tutti i crismi! Ottimi anche i piatti a base di lenticchie e melanzane e la carne (con la netta predominanza dell’agnello) servita generalmente sotto forma di spiedini grigliati. Ci sono anche alcuni piatti di mare ma, se ben ricordate, io non mangio pesce per cui su quelli non posso garantire niente!

 

 

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter
Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email. Tanti consigli di viaggio ti aspettano!
Si, voglio iscrivermi!
No Grazie!
(Visitato 130 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)
By |2018-10-01T17:09:46+00:00ottobre 1st, 2018|Londra|7 Comments

About the Author:

Scrittrice (romanzi, saggi, sceneggiature), viaggiatrice, esploratrice, traduttrice di testi scientifici EN --> IT. Penso fuori dagli schemi (anche troppo). Qualche neurone Asperger e un'insana passione per le macchine potenti.

7 Comments

  1. claudia ottobre 4, 2018 at 6:00 pm - Reply

    Io adoro mangiare a Londra dallo Street Food ai piatti tipici alle cucine etniche proprio non capisco chi dice che va a Londra e mangia male

  2. Monica ottobre 4, 2018 at 6:42 pm - Reply

    Sto giusto pianificando un weekend nella bella capitale inglese e mi segno i tuoi suggerimenti su dove andare a mangiare. Essendo amante del cibo etnico, da quanto leggo, avrò di che abbuffarmi 🙂

  3. Federica ottobre 15, 2018 at 2:58 pm - Reply

    Al Poppie’s sono stata. Tutto il resto dovrò provarlo. É arrivata l’ora di partire ancora 🙂 Grazie per questa guida.

  4. […] Dove mangiare a Londra Gallery […]

  5. […] Dove mangiare a Londra Gallery […]

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla Newsletter
Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email. Tanti consigli di viaggio ti aspettano!
Si, voglio iscrivermi!
No Grazie!
close-link

SCARICA GRATIS
LA GUIDA GALATTICA PER LUCCA COMICS AND GAMES 2018

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratis l'imperdibile guida "unofficial" scritta direttamente da chi la vive ogni anno da più di 25 anni
SCARICA GRATIS
close-link