Ibiza fuori stagione: il nostro viaggio

Ibizia fuori stagione è il modo per godere della bellezza di quest’isola spagnola fatta di meravigliose calette, mare e boschi. Ibiza (in catalano Eivissa) in novembre si mostra in tutta la sua natura bella e rigogliosa. Noi amiamo visitare i luoghi fuori stagione perché mostrano la loro vera anima. Anche quest’isola, che insieme a Formentera fa parte delle isole Pitiuse delle Baleari, non è da meno.

In estate Ibiza è il regno del divertimento giovane.  I più famosi Dj del mondo fanno serate attirando migliaia di ragazzi. Quindi la notte si balla, la mattina si dorme, il pomeriggio ci si gode il mare e le spiagge.

Ibiza fuori stagione
Ibiza fuori stagione

Ibiza fuori stagione: il nostro viaggio

Se altre volte abbiamo raggiunto l’isola arrivando in aereo o percorrendo tutta la costa fino a raggiungere Barcellona (dove ci si imbarca per Ibiza) questa volta abbiamo optato per il traghetto. Partenza per Civitavecchia con auto al seguito alle 21.30 arrivo al porto di Barcellona alle 18.00 circa e imbarco per Ibiza alle  21.30 con arrivo alle 6.30.

Botega arrivo ad Ibiza fuori stagione
Botega che apre alle 7 del mattino al nostro arrivo ad Ibiza fuori stagione

Mare tranquillo, cabina sul traghetto Grimaldi e poi su Balearia. Costo… quanto arrivare in auto a Barcellona. Appena arrivati ci siamo diretti a San Josep de sa Talaia dove ci aspettavano gli amici spagnoli ma prima ci siamo fermati in un locale davvero tipico trovato lungo la strada. Colazione con cappuccino (ovviamente senza schiuma all’italiana) e “napoletane” cioè un enorme saccottino al cioccolato. Così è iniziata la nostra gita a Ibiza.

Ibiza fuori stagione
Ibiza fuori stagione

Calette e spiagge

Fuori dalla confusione estiva le calette e le spiagge di Ibiza ci riportano alla sua natura selvaggia anche se le costruzioni bianche incombono sul mare. A Ibiza il permesso per costruire è stato dato senza tanti ripensamenti cercando, dove possibile, di mantenere lo stile locale ma non troppo!

Primo giorno

Dopo la nostra sistemazione in una delle tante case che i nostri amici affittano ai vacanzieri (stile tipico ibizenco, giardino, piscina e pace assoluta) abbiamo deciso di andare a vedere Cala Comte. Cala Comte, affollata in estate, in novembre si offre in tutta la sua bellezza.

Cala Compte
Cala Compte

Il vento che spira anche nella stagione estiva e crea correnti in acqua, il sole che riscalda, i colori del mare con qualche onda ci danno una sensazione di bellezza assoluta. Non ci sono persone anche se in lontananza vediamo persone che stanno facendo il bagno. Noi non ci avventuriamo e per queste attività attenderemo la stagione calda…

Vi consigliamo di fare una passeggiata lungo la costa se il mare lo permette e se non avete paura di qualche spruzzo. A piedi si può raggiungere la torre difensiva di Rovira, che divide questa spiaggia con la vicina Cala Bassa. Comunque sia ogni caletta di Ibiza in questo periodo è semplicemente meravigliosa.

Cala Compte vento ma ce chi fa il bagno
Ibiza fuori stagione: il nostro viaggio 16

Secondo giorno

Dopo una bella colazione casalinga ecco diretti alla ricerca di qualcosa che sta conquistando anche Ibiza: Il vino. Ultimamente ci sono aziende che in estate organizzano tour aziendali, degustazioni. Ora è un po’ più difficile ed è bene prenotare comunque ci sono sempre le enoteche.

Nell’interno dell’isola in zona, San Antoni de Portmany,  si trovano altre due celebre cantine: Can Rich de Buscastell, e Ibizkus. Altre due cantine si trovano a Sant Mateu d’Aubarca, dove viene prodotta la maggior parte del vino dell’isola: Sa Cova e Can Maymó.

La terra rossa nell'interno di Ibiza
La terra rossa nell’interno di Ibiza

L’atmosfera brulicante di Ibiza qui lascia il posto a piccoli appezzamenti, alla terra rossa come quella die campi da tennis in terra battura, a chiesette bianche, ad agrumeti che si alternano ad area dove il bosco si insinua.

Per la serata abbiamo raggiunto Cala Tarida dove il tramonto offre uno spettacolo superbo mentre il mare solitario di questo periodo fa il suo racconto.  La temperatura era perfetta, non c’erano persone tranne una coppia che si faceva fotografia controsole che si vedeva appena perché diversi scogli più in là. Noi si siamo posizionati  su uno scoglio e abbiamo atteso il suggestivo tramonto. Relax completo!

tramonto a cala Tarida
tramonto a cala Tarida- Fot6o di Roberta capanni

Terzo giorno

Un po’ di spesa nel piccolo supermercato di San Josep con assaggio e acquisto dei prosciutti in vendita: una bella carrellata di Il jamón serrano (letteralmente “prosciutto di montagna”). Niente Pata negra per me ( lo so son da uccidere ma non mi piace!).

Qualche dolcetto tipico portato da una ibizenca doc come la signora Maria. Le Orelletes che qui si usano per ogni festa.  Gli orelletes sono una specie di pasta fritta con un leggero aroma di anice cosparsa di zucchero, morbidi, soffrici e deliziosi!

 Orelletes
Orelletes

sono una specie di grande frittella dolce con un leggero gusto di anice che non avevo mai assaggiato e che ho gradito molto. Assaggiato anche le magdalenas labradoras, uno dei dolci più popolari di Ibiza. base di mandorla, piccoli e ovali.

Pomeriggio a Cala d’Hort una delle spiagge più in voga di Ibiza in estate. Appena 11 chilometri da San Josep con una spiaggia sicuramente ben attrezzata in estate ma ora libera, con sabbia e Ghiaia. L’atmosfera è unica davvero Da qui si vede l’isolotto di Es Vedrà un grande scoglio alto 382 metri e fa così caldo che siamo stati in canottiera (a novembre inoltrato).

Ma non solo un isolotto ma ben tre cioè le “Isole dei Draghi”: Es Vedrà, Es Vedranell, Es  Galera. Isolotti che hanno ispirato leggende tra sirene, draghi e maghi.

Cala d' Hort
Cala d’ Hort

Quarto giorno

Abbiamo deciso di andare a Sant’Eularia (sì, in catalano è Eularia e non Eulalia). In estate deve essere parecchio movimentata perché a noi lo pare anche in bassa stagione. Qui ci sono i mercati Hippy (I mercatini Hippy, tipici di Ibiza, si trovano solo da maggio a ottobre) e belle spiagge. C’è anche l’unico fiume delle Baleari come dice il nome completo: Santa Eulalia del río.

A Sant’Eularia da vedere sicuramente è la chiesa di Puig de Missa del XVI secolo che si trova su un colle. Il complesso monumentale di Puig de Missa è stato dichiarato Bene di Interesse Culturale e da qui si vede il panorama della città.

St' Eulalia chiesa di Puig de Missa
St’ Eulalia chiesa di Puig de Missa

Abbiamo invece rinunciato alla visita delle grotte di Cova de Can Marçà perché nel mondo ne abbiamo viste tantissime e sicuramente di maggiore interesse. Un biglietto caruccio (26 euro in due) per 30-40 minuti di visita per questa grotta un tempo rifugio di contrabbandieri oggi sfruttata come attrazione con, da quando ci dicono gli amici ibizenchi, con aggiunte non troppo naturali.

Quinto giorno

Ivissa (Ibiza) città l’aveva vista molti anni fa. E vista la velocità con cui l’isola è stata riempita di costruzioni, volevamo vedere cosa fosse cambiato. La città è la stessa, il porto con le sue viuzze, i negozi. Siamo voluti tornare a Dalt Vila, dal 1999 Patrimonio dell’Umanità UNESCO, la parte alta e antica della città.

Ibiza fuori stagione: la Cattedrale Nostra Senyora De Las Neus
Ibiza fuori stagione: la Cattedrale Nostra Senyora De Las Neus

Una grande opera di ristrutturazione la asta interessando ma è godibilissima con le sue stradine strette. Ci sono molte cose da vedere il Castello arabo, la Cattedrale Nostra Senyora De Las Neus, il Museo d’Arte Contemporanea e Placa des Amparats da cui si scorge una bellissima vista del porto cittadino.

dalt villa
Dalt villa

C’erano diversi stranieri, quelli sbarcati dalle navi al porto e che avevano poco tempo per vedere Dalt Villa che si erano arrampicati fin lassù e poi sciamavano di corsa per le viuzze strette. Dalle strade sottostanti della città, arrivava musica dal vivo segno che anche alle tre del pomeriggio di un qualsiasi giorno di novembre, qui si canta e si balla.

Chiesa di Sant Josep de sa Talaia
Chiesa di Sant Josep de sa Talaia proprio sulla strada che attraversa il paese

Sesto giorno

Giornata di relax. Una giratina a San Josep per qualche commissione. Abbiamo trovato due signore con un piccolo ma delizioso negozio di fiori, un bar dove godersi al sole un caffè e latte (non si può chiamare cappuccino).

Abbiamo anche assistito ad una specie di sfilata di un matrimonio dove tutti brillavano come lampadine. Scarpe d’oro, abiti bianchi ( si faceva fatica a capire chi era la sposa), spacchi vertiginosi con slip in bella vista ( erano da fotografia ma no, non li abbiamo fotografati… ci pareva brutto)!

Paella
Paella

Pranzo  vicino al bivio di cala Tarida perché non c’è molta scelta in questo periodo visto che molti son chiusi con classica  paella in centrotavola. Pomeriggio di relax al sole caldo a bordo piscina.

Ripatenza sempre in traghetto con auto: prima direzione Barcellona con traversata di giorno (partenza ore 9.30 arrivo 18.30 consigliamo di non arrivare tanto prima perchè vanno lentissimi e c’è poca gente che sale)) e poi traghetto per Civitavecchia ( 21.30 partenza arrivo 18.30) con auto e cabina.

il mare dinverso in Ibiza fuori stagione

CONCLUSIONI

Ibizia fuori stagioni vale la pena. Calcolate che molte attività sono chiuse e anche i mercatini sono aperti da maggio a ottobre. Restano le bellezze naturali che in questo periodo sono godibili davvero. Resta il fatto che noi che mancavamo da tanto tempo abbiamo trovato l’isola veramente troppo costruita a tal punto da perdere ( a nostro avviso) la sua identità.

(Visitato 42 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Alcuni tour che potrebbero interessarti

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su WhatsApp
Condividi su Telegram
Condividi su Linkdin
Condividi su Pinterest
Salva su Pocket
condividi via email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice

Il blog di viaggio che ti aiuta veramente.

Iscrivti alla nostra newsletter