Black Hills, in viaggio nella storia del west

Oggi vi porto in South Dakota e più precisamente nelle Black hills. Nonostante l’estensione, il Dakota del sud,17° stato per dimensione fra i 50 che compongono gli Stati Uniti, è poco popolato; prevalgono piccoli paesi, ampi spazi, fauna e meraviglie naturali.
La destinazione di viaggio che vi voglio raccontare riguarda l’area geografica montuosa delle Black Hills, un tripudio di natura, località dall’architettura e atmosfera “Old West”, la città di Rapid City nonchè attrattive di fama internazionale create dall’uomo: Mount Rushmore National Monument e Crazy Horse Memorial. 

Black hill - Sylvan lake sud Dakota
Black Hills, in viaggio nella storia del west 6

Black hills south Dakota dove si trova

Questa catena è la sezione più estesa e significativa della Black Hills National Forest che si trova nel sud-ovest del South Dakota e si estende anche in minima parte nel Wyoming orientale. Le Black Hills hanno assunto questa denominazione per la fitta presenza di alberi sempreverdi che avvolgono i rilievi e in lontananza li fanno apparire come una macchia scura.

Black hills map

Nell’area sono presenti praterie in cui vivono i bisonti americani, ma tutta l’area complessivamente ospita laghi, grotte, canyon, formazioni rocciose fra cui pinnacoli e molta altra fauna tra cui alci, cervi dalla coda bianca, capre di montagna e pecore bighorn. Fra le tante attività all’aria aperta segnalo anche l’escursionismo e la pesca. 

Black hills oro e indiani

Prima della “corsa all’oro” del 19° secolo l’area era sacra ai nativi Lakota Sioux che la popolavano e il trattato di Laramie del 1868 prevedeva l’esclusione dell’uomo bianco.
Ma con la scoperta delle miniere l’accordo non venne pienamente rispettato e questo diede il via alla difficile convivenza. Le cittadine delle Black Hills sono sorte grazie alla scoperta delle miniere e alla conseguente “gold rush”; il loro punto di forza, che richiama migliaia di visitatori, sta proprio nel ricordare l’atmosfera di quei tempi. E’ importante sapere che per le suddette tribù native queste montagne continuano ad essere un luogo sacro.

Sud Dakota south dakota bedlands Black hills
Black hills, Lakota Sioux

Come Raggiungere le Black Hills?

Non esistono voli diretti dall’Europa per il South Dakota. Per la praticità della rotta suggerisco di volare su Denver in Colorado e da lì scegliere un volo interno  della United Airlines per Rapid City. 

L’aeroporto internazionale di Denver in Colorado è a circa 6 ore d’auto ed è anch’esso un’ottimo punto di arrivo.

Un’altra opzione è fare un tour che, tappa dopo tappa, porti in South Dakota e alle Black Hills.  

Se il vostro itinerario comprende destinazioni al di fuori del South Dakota, la strada principale che attraversa alcune località delle Black Hills è la I-90 che collega Seattle, nello stato di Washington a Boston in Massachusetts, attraversando da ovest ad est, e viceversa, il nord della nazione.   

Black hills meteo

L’estate sulle Black hills è ovviamente la stagione più calda anche se le temperature di solito non sono troppo elevate. Generalmente di giorno oscillano fra i 20° e i 30°. Le serate sono decisamente fresche. Questo è il periodo in cui si concentra la maggior parte dei turisti.

L’autunno nel sud Dakota è caratterizzato da temperature miti di giorno, fredde di sera e le nevicate si possono verificare anche a inizio stagione. Ma questo è anche il periodo del Fall Foliage con i colori caldi e accesi delle foglie, in particolare nella prima parte di ottobre. 

La primavera inizia con temperature molto fredde che gradualmente da maggio iniziano ad essere meno rigide. Ad inizio stagione può nevicare e ci sono giornate piovose. A stagione inoltrata si assiste ad un graduale risveglio della natura. 

L’inverno è freddo con temperature giornaliere anche sotto lo zero e raramente miti. Le nevicate sono distribuite in tutta la stagione. 

Quando scegliete il periodo tenete presente che molte attrazioni sono chiuse in particolare da novembre ad aprile in quanto l’operatività della maggior parte delle attività è stagionale, da maggio a ottobre.

Come visitare le Black Hills? 

Per apprezzare le bellezze delle Black Hills consiglio vivamente di noleggiare un’auto. Non soffermatevi solo al Mount Rushmore e al Crazy Horse Memorial, c’è tanto altro altro. Andiamo a scoprirlo insieme!

Black Hills cosa vedere

Molte sono le cose da vedere nell’area delle Black Hills sia dal punto di vista naturalistico che delle città tra le quali spiccano Rapid City, Keystone, Hill City e Custer.

Rapid City è il luogo dove si trova l’aeroporto locale per visitare il Dakota del Sud. È attraversata dal fiume Rapid Creek e con circa 80.000 abitanti, è la seconda città più grande del South Dakota dopo Sioux Falls che ne conta approssimativamente 200.000. Per la sua posizione geografica è nota come “La porta delle Black Hills”.  

In gennaio-febbraio a Rapid City si svolge il Black Hills Stock Show Rodeo, secondo evento per importanza nel South Dakota; oltre alle giornate di rodeo si svolgono esibizioni di bestiame, manifestazioni con cavalli, concerti e sono presenti bancarelle di artigianato e cibo. 

Tra i luoghi più iconici da visitare nei dintorni di Rapid city sono degni di nota il Bear Country USA, uno spazio dove gli animali si muovono liberamente  e dove, con il proprio automezzo, si attraversa un parco popolato da specie del Nord America fra cui cani delle praterie, bisonti, alci, volpi, linci, orsi, lontre, procioni e coyote. Questo sito di grande interesse è operativo da fine a aprile a fine novembre tenendo però conto di possibili chiusure in caso di neve. 

Black Hills Caverns 

Accessibili da maggio a settembre, queste grotte sono state scoperte nel 1882 dai cercatori d’oro. All’interno si possono apprezzare stalattiti, stalagmiti, cristalli e strutture a nido d’ape. E’ sicuramente un’attrazione da includere nella lista dei must see.

Keystone 

Grazie alla vicinanza a siti di notevole interesse e alla sua posizione privilegiata nelle Black Hills, da cittadina mineraria è diventata una destinazione turistica molto apprezzata che mantiene il fascino dei tempi passati.  

Mount Rushmore National Memorial

Suggerisco l’incredibile route 16 A (Iron Mountain Road) e 244 per raggiungere l’imponente scultura nella roccia delle Black Hills con i volti dei presidenti Washington, Jefferson, Roosevelt e Lincoln, l’attrazione più nota in South Dakota. Ogni volto scolpito sul Monte Rushmore misura 18 metri d’altezza. Sono stati scelti questi presidenti perché rappresentano la nascita, la crescita e lo sviluppo della nazione.

monte Rushmore Sud Dakota
Black Hills, in viaggio nella storia del west 7

Percorrendo l’Avenue of Flags, dove sventolano le bandiere degli stati americani, si ha un’ottima visuale del capolavoro scultoreo. Allo Sculpure Studio si apprendono com’è stata realizzata l’opera e il suo scultore. Dopo il tramonto, la Light Ceremony è una suggestiva cerimonia che culmina con l’illuminazione dei volti dei presidenti. Alcune attività sono operative stagionalmente, principalmente da fine maggio a inizio autunno, ma i presidenti sono sempre visibili. Il film Intrigo Internazionale ha reso questa location ancora più famosa.   

1880 Train (Black Hill Central Railroad)

Questa ferrovia, costruita in passato per trasportare l’oro e il legname delle Black Hills, è ora operativa da inizio maggio a metà ottobre per tutti coloro che desiderano ammirare le bellezze della zona con un tragitto di due ore fra le caratteristiche cittadine Keystone e Hill City.

black hills 1880 train
Black Hills, in viaggio nella storia del west 8

National President Wax Museum

All’interno di questo museo statue in cera raffigurano tutti i presidenti degli Stati Uniti, alcuni capi indiani delle tribú Sioux e qualche personaggio politico internazionale.  

Black Hills Helicopter 

Un altro modo per apprezzare le Black Hills è un suggestivo volo in elicottero che consente di apprezzare in tutta la loro maestosità il Mount Rushmore e il Crazy Horse Memorial. Il servizio è operativo da maggio a ottobre oppure su appuntamento fuori stagione. 

Hill City

Soprannominata “The heart of the Black Hills” per la sua posizione centrale, fra i luoghi di richiamo turistico di questa graziosa cittadina segnalo anche il museo con il secondo scheletro più grande e completo di Tyrannosaurus Rex nonché l’altro capolinea della tratta ferroviaria 1880 Train che la unisce a Keystone. 

Crazy Horse Memorial 

Monumento in costruzione dal 1948 in onore dell’omonimo capo indiano degli Oglala Sioux e in generale dei nativi. La montagna su cui viene scolpito Crazy Horse a cavallo è sacra alla tribù. Questa scultura è immensa; per fare un paragone se si mettessero le teste dei presidenti del Mount Rushmore una sopra l’altra non si raggiungerebbe l’altezza di Cavallo Pazzo. Il complesso, gestito dalla Crazy Horse Memorial Foundation, ospita anche un grande e scenografico visitor center, un’università e un museo dedicato alla storia dei nativi. L’ingresso comprende anche Legends in Light Laser Show, suggestivo spettacolo serale, in cui viene illuminato il monumento di Cavallo Pazzo, assieme ad effetti laser. 

Dakota Stone Rock Shop

A cinque minuti dalla cittadina, il maggiore fornitore di pietre delle Black Hills non è solo un negozio per regali, souvenir e gioielli fatti a mano; si possono infatti cercare oro e gemme, fare la caccia al tesoro e in autunno è divertente visitare l’orto delle zucche.  

Custer 

La città si è sviluppata in seguito alla “corsa all’oro” e l’atmosfera di quel tempo si rivive ogni anno nell’ultimo weekend di luglio con l’evento Gold Discovery Days. Da notare che ogni incrocio della strada principale è caratterizzato da una diversa scultura raffigurante un bisonte. 

Custer State park sud Dakota Black hills
Black Hills, in viaggio nella storia del west 9

Custer State National Park 

È il primo e più grande parco del South Dakota caratterizzato da praterie dolcemente ondulate, aspre montagne e guglie granitiche denominate The Needles (route 87). Al lago artficiale Sullivan, profondo 9 metri, è possibile nuotare, pescare e percorrere il sentiero che porta al Black Elk Peak, cima più alta del South Dakota, con 2.208 metri. Il Buffalo Roundup è un evento annuale che si svolge qui nell’ultimo weekend di settembre. I numerosi bisonti del Custer State Park vengono radunati dando vita ad una spettacolare corsa attraverso la prateria e le colline fino ai recinti dove vengono censiti e controllati.

Jewel Cave National Monument 

È la quinta grotta più lunga al mondo dove si esplorano passaggi sotterranei, veri e propri labirinti, e formazioni in calcite caratterizzate anche da colorazioni vivaci.

Black Hills Balloons

Permette di scoprire le Black Hills da maggio a ottobre con un suggestivo volo in mongolfiera sopra formazioni rocciose, foreste, valli, praterie e laghi.

Deadwood

Probabilmenteuna delle cittadine più caratteristiche delle Black Hills che ha ottenuto il titolo di National Historic Landmark District per l’architettura risalente alla “corsa all’oro” e l’atmosfera del Far West.

Ogni anno, a fine luglio, viene organizzato l’evento chiamato Days of ’76 con due parate e un rodeo.

Days of ‘76

In questo museo vengono onorati i primi pionieri della cittadina attraverso carri, carrozze, foto e armi da fuoco.

Adams Museum

La storia delle Black Hills viene raccontata fedelmente tramite cimeli e oggetti legati a celebri personaggi famosi fra cui Calamity Jane. 

Adams House

Sontuosa casa arredata in stile Queen Anne risalente al 1892, visitabile da aprile a ottobre e durante le festività natalizie.  

Spearfish 

Poco distante dal confine con il Wyoming, questo minuscolo paese è circondato da bellezze  naturali.

Spearfish Canyon  

Per una trentina di chilometri la strada 14A attraversa la stretta gola scavata dal fiume Spearfish regalando un percorso scenico fatto di ruscelli, foreste, spettacolari formazioni rocciose e alcune cascate fra cui segnalo Roughlock Falls e Bridal Veil Falls, queste ultime visibili dalla strada. 

Sturgis

Per la sua collocazione geografica che la pone all’entrata nord delle Black Hills, il suo soprannome è “Key City”.  

Il Motorcycle Rally è l’evento più famoso in città, nelle Black Hills e a livello internazionale. Infatti dal primo venerdì di agosto per dieci giorni prende vita il più grande raduno motociclistico del mondo. 

Motorcycle Museum & Hall of Fame

In onore del Motorcycle Rally il museo espone numerose motociclette e rende omaggio a coloro che hanno dato un significativo contributo alla comunità motociclistica. 

Bear Butte State Park 

Quest’area è caratterizzata da un rilievo isolato la cui cima a 1.349 metri si può raggiungere tramite un sentiero. Questo monte è sacro per molte tribù indiane che vengono qui in pellegrinaggio ma è anche meta di appassionati fotografi per il panorama scenografico all’alba e al tramonto.    

Hot Springs 

Terra sacra ai Sioux e Cheyenne che fin dai tempi remoti apprezzano le sorgenti calde. Ora queste acque tiepide e benefiche sono frequentate anche da visitatori in strutture realizzate secondo varie ambientazioni. 

Wind Cave National Park 

È la terza grotta più grande degli Stati Uniti in cui sono presenti affusolate stalattiti e numerose formazioni in calcite che ricordano celle esagonali a nido d’ape. All’esterno lo sguardo incontrerà con certezza bisonti e tanti simpatici cani della prateria. 

Cosa mangiare nelle Black hills e nel Sud Dakota

Quando si viaggia, assaggiare piatti tipici consente di entrare ancor più in contatto con la realtà in cui ci troviamo. Ecco alcune proposte della gastronomia locale.

La cucina del South Dakota combina influenze dei nativi e dei coloni che nel corso dei secoli si sono stabiliti in questo stato. 

La prima cosa che mi viene in mente è la carne di bisonte molto utilizzata sotto forma di filetto ed anche nei burger, tenera e con un sapore che ricorda il manzo ma con migliori proprietà nutizionali per l’assenza di colesterolo e le poche calorie. Il costro è di poco superiore alla carne più tradizionale.  

Il piatto ufficiale del South Dakota è il Chislic di origine turca che consiste in carne rossa, normalmente agnello, montone o manzo, cotta al sangue poi tagliata a cubi, spolverata con sale all’aglio e infilzata in un sottile spiedino.

La tradizione dei nativi americani porta in tavola il Fry Bread, un panino di forma rotondeggiante fritto in olio. È tipico servirlo con una guarnizione dolce (ad esempio miele, marmellata, cannella) o come base degli Indian Tacos farciti con carne di bisonte, formaggio grattugiato e verdure.   

Black hills dove dormire

Personalmente consiglio di alloggiare a Rapid City per la posizione alle pendici delle Black Hills. Raggiungere rinomate località a nord, ad esempio Deadwood, o altre a sud, come Custer, significa essere a poco meno di un’ora d’auto. Le graziose Hill City e Keystone, location ideali per raggiungere il Mount Rushmore e il Crazy Horse Memorial, distano ancor meno, solo una mezz’ora.
È davvero tutto a portata di mano e non potrebbe essere meglio di così per non perdere quanto c’è da visitare nelle splendide Black Hills. 

Se cercate pace, tranquillità e il trionfo della natura senza tralasciare graziose cittadine in stile Old West, l’area delle Black Hills fa proprio al caso vostro. Pronti ad organizzare un viaggio indimenticabile?  

(Visitato 42 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Alcuni tour che potrebbero interessarti

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su WhatsApp
Condividi su Telegram
Condividi su Linkdin
Condividi su Pinterest
Salva su Pocket
condividi via email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice

Il blog di viaggio che ti aiuta veramente.

Iscrivti alla nostra newsletter