Viaggi di Carnevale

L’occasione del Carnevale è ghiotta per chi ama viaggiare. Si “rischia” di vedere borghi deliziosi, mangiare specialità locali e divertirsi.

Nella chiesa cattolica la domenica settuagesima cioè l’inizio del carnevale, si celebra 70 giorni prima della domenica di Pasqua. Quindi il 2023 vedrà l’inizio del carnevale il 5 di febbraio.

Il carnevale termina dopo 40 giorni prima della domenica di Pasqua con il martedì grasso e il giorno dopo, mercoledì, è detto mercoledì delle ceneri e inizia la Quaresima. Quindi nel 2023 il carnevale finisce il 21 di febbraio.

Viaggiare a Carnevale

Il carnevale può essere un’occasione bella per poter andare in giro e vedere tante sfilate, soprattutto di carri e anche tante maschere. In Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il carnevale più famoso è quello di Venezia resto unico dall’atmosfera lagunare e dalle maschere settecentesche che si sposano con gli antichi palazzi che si affacciano sui canali.

Da Venezia a Viareggio

Oltre a Venezia c’è anche quello di Viareggio .Viareggio è uno dei più conosciuti nel mondo. Un appuntamento che è iniziato circa 150 anni e dura oltre un mese. I carri di Viareggio hanno un tema, di solito  si ispirano alla politica italiana ma anche internazionale e hanno la prerogativa di essere tutti in chiave satirica. Per vedere questo carnevale si paga un biglietto e bisogna anche organizzarsi per tempo.
Regna su tutto la maschera di Burlamacco mascotte della città.
Questa è l’occasione per visitare la bella costa Toscana a gustare il cibo ottimo che tanti ristoranti della zona offrono e godersi un po’ di mare d’inverno che non fa mai male.

foto di Alessandro Perini da pixabay

Carnevale di Putignano

Dove ci sono carri che sfilano? Per esempio a Putignano? Siamo in provincia di Bari, è l’occasione per vedere questa città della Puglia è ottima è l’ultimo giorno del carnevale, c’è la parata dei carri.

Fano

A Fano invece c’è il carnevale che dura dal quattordicesimo secolo ed è una sfilata di carri per la città. Con il lancio dei dolciumi di caramelle e cioccolatini che vengono lanciati dai carri operazione che  si chiama “il getto”. Il carnevale di Fano è uno dei più antichi insieme a quello di Venezia. I carri sfilano per tre volte sul viale Gramsci guidati dal Pupo, la maschera tipica del carnevale Fanese.
Fano si trova nelle Marche e si affaccia sull’Adriatico. Una cittadina da vedere e da gustare con il centro circondato dalla cinta muraria costruita dall’Imperatore Augusto all’anno 9 d.C.

Carnevale di Cento

Ti ritrova già in alcuni affreschi del Guercino, quindi ha una storia antichissima. È una grande manifestazione molto sentita dalle persone è il personaggio carnevalesco del paese che è Tasi. Secondo tradizione lascia i suoi averi alle persone più popolari del posto e poi questa maschera viene bruciata in un rogo questo avviene in piazza Guercino che si trova proprio in centro.

Cento è in provincia di Ferrara ed è la “La piccola Bologna” per via della struttura dei suoi portici e dell’evidente stile bolognese. E qui si mangiano si mangiano anche Castagnole e sfrappole.

Andiamo in Sardegna

Facciamo un salto nell’isola, in Sardegna, perché in Sardegna c’è un carnevale particolare molto originale. Non un carnevale colorato ma nero.  I protagonisti sono vestiti di nero e hanno delle dei volti delle maschere e pellicce indossano pelliccia di pecora nera e le maschere sono nere, sono in Mamuthones. Pare che questa sfilata particolare non sia antichissima, però è sicuramente un momento importante anche per visitare la Sardegna al di fuori dell’estate. A Mamoiada non silano solo i mamuthones ma anche gli Issohadores.

Per i Mamuthone,s pelli di ovini , e maschera nera di legno d’ontano o pero selvatico, scure e sofferenti e campanacci il cui batacchio è fatto con ossa di animali, oggetti fatti con maestria. Gli Issohadores, invece , portano una camicia di lino, una giubba rossa, calzoni bianchi maschere bianche, scialli e sonagli.

Se volete andare invece alla scoperta della Basilicata.

In Basilicata c’’è il carnevale di Tricarico. Qui la caratteristica sono le maschere di animali, mucche e tori. Tricarico ha un centro storico medievale molto carino, è vicino a Matera e mette a disposizione tutte le bellezze di questa regione italiana tutta da scoprire.

Saliamo a Ivrea.

Ivrea ha un Carnevale che risale al 1808. Questo carnevale storico impone a tutti i partecipanti di indossare un berretto rosso per distinguersi dagli ”aranceri”. Qui, infatti, la particolarità è  la guerra delle arance. Le squadre di aranceri che filano sui carri lungo le vie della città e si combattono a suon di arance.

Carnevale di Ronciglione

In uno dei borghi più belli della Tuscia si svolge il Carnevale di Ronciglione. Qui la nota caratteristica è la presenza dei degli ussari e la corsa a vuoto dei cavalli. Questo carnevale esiste dal 1870  e propone maschere tradizionali ricche di significato. Il castello della Rovere con i suoi torrioni fanno da sfondo a questo carnevale  che ha le sue origini nelle “Pubbliche allegrezze” che si svolgevano nella città durante il periodo farnesiano (1537-1649). Qui info

Quindi come possiamo vedere il carnevale è un momento molto importante per poter girare l’Italia, potersi godere anche 3-4 giorni di festa perché festeggiamenti cominciano anche prima

(Visitato 9 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su WhatsApp
Condividi su Telegram
Condividi su Linkdin
Condividi su Pinterest
Salva su Pocket
condividi via email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice

Il blog di viaggio che ti aiuta veramente.

Iscrivti alla nostra newsletter