Due giorni a Ravenna coi bambini
Zoo Safari e Fiabilandia

Home » Destinazioni » Europa » Italia » Emilia Romagna » Provincia di Ravenna » Ravenna » Due giorni a Ravenna coi bambini Zoo Safari e Fiabilandia

Zoo Safari e Fiabilandia, due parchi tematici a pochi passi da Ravenna che chi ha bambini tra i due e i sei anni deve necessariamente visitare. Quella zona della Romagna è famosa, oltre che per le spiagge, anche per il parco di Mirabilandia e per l’Italia in Miniatura che sono però adatti a ragazzi più grandi. Forse meno note, ma molto più a misura di bambino, queste due attrazioni che ora vado a raccontarvi

L’idea di andare a far visita a Ravenna nasce proprio dalla presenza di parchi tematici che ci avrebbero permesso di far divertire il bambino. Parlo di bambino perchè nononstante ci sia già stato due volte, la prima nel 2015, in entrambi i casi c’era solo Diego: Flavia doveva ancora nascere. Il che significa che, a breve, ci tornerò.

Del resto il ricordo che mi è rimasto della cittadina di Ravenna, che dovremmo ancora conoscere meglio, è ottimo. Ci siamo sempre divertiti tantissimo, e nel cuore porto ancora il ricordo di questi due parchi: Zoo Safari e Fiabilandia.

 

Il fortino a Fiabilandia

 

In entrambi i nostri soggiori abbiamo pernottato a Lido di Classe, sulla costa romagnola. Un posto tranquillo (ci siamo stati sempre a stagione conclusa) scelto per l’hotel attrezzato e ideale per famiglie e per la presenza delle spiaggia a pochi metri. E, cosa non di poco conto, perchè lì vicino abbiamo scoperto un ristorantino di pesce niente male, ma di questo vi racconterà magari in un’altra occasione. Per ora mi concentro solo Zoo Safari e Fiabilandia

Fiabilandia

Fiabilandia è un grande parco giochi adatto a bambini piccoli, dai 2 ai 6-7 anni. Non ci sono montagne russe o giochi che i bambini possono solo osservare dal basso, come succede per la vicina e più nota Mirabilandia.

La mappa di Fiabilandia

 Grandi attrazioni per piccoli

A Fiabilandia ci sono tante grandi attrazioni per passare una giornata in allegria: i bambini hanno di che divertirsi ed escono da lì, vi assicuro, sfiniti.

Passando da un piccolo percorso orientaleggiante che si snoda sull’acqua, si entra infatti in un mondo fatato e da qui ci si addentra nel labirinto.

 

Il percorso Zen di Fiabilandia

 

La prima attrazione meccanizzatan in cui ci si imbatte è il castello di Merlino. Si sale su una specie di minitrenino che porta dentro e sopra il castello del mitico Mago: i bambini si divertono anche nelle stanze più buie, tra incantesimi e streghe. Da lì in poi una serie di giochi, tutti ovviamente inclusi nel biglietto.

Fiabilandia è costruita tutto attorno ad un lago, con pesci e salici piangenti, che è possibile (è incluso nel biglietto) attraversare con un suggestivo e comodo battello.

 

I prezzi variano a seconda della stagione e della tipologia. Meno di 13 euro per un bambino non si spende e si arriva fino a 23 euro e 50 per un adulto. C’è da dire però che nel parco si passa l’intera giornata, dalla mattina alla sera e che la spesa vale tutta visto che dà accesso a tutti i giochi, anche più volte. Spesso ci sono promozioni: comprando il biglietto per Fiabilandia si ha uno sconto notevole (30-40%) sull’acquisto del biglietto per lo Zoo Safari, se acquistati assieme. Comunque il biglietto di Fiabilandia dà accesso ad un ingresso gratuito il giorno successivo a quello di utilizzo. Per cui, volendo, si possono passare due intere giornate al parco giochi: i bambini non si annoieranno di certo!

 

Ci sono il fortino degli Apache e il Brucomela, le auto a guida autonoma e quelle ancorate al terreno che girano, le gabbie volanti e le battaglie in acqua su una specie di sottomarini guidati da rotaie. C’è il classico parco per bambini con scivoli e altalene, ma ci sono anche i tappeti elastici e il grande super-scivolo (questo lo ammetto è piaciuto tanto anche a me). E ancora, il drago acquatico e la casa dei pirati. Tutto, ripeto, a misura di bambino.

SCARICA LA MAPPA DI FIABILANDIA

A Fiabilandia ci sono anche tante aree attrezzate per i picnic e diversi punti ristoro. Uno in particolare è molto comodo, visto che si trova proprio davanti al punto di imbarco del battello. Il consiglio è di prendere il battello in serata, quando ormai i bambini sono stanchi e si siedono volentieri un quarto d’ora ad ammirare il fresco della sera e la quiete del laghetto. In serata inoltre al centro del lago si attivano zampilli d’acqua colorati che spruzzano a metri di altezza a tempo di musica. Il consiglio per i punto ristoro invece è: portare i panini da casa. Il punto ristoro va bene per un geleto o un caffè, altrimenti la spesa sale troppo.

 Fiabilandia è un parco per bambini dai 2 ai 6-7 anni

Volendo, come accennato, il giorno dopo puoi entrare, con lo stesso biglietto, gratuitamente. A Fiabilandia ci siamo stati due volte e la seconda volta abbiamo sfruttato questa possibilità, prima di rientrare direzione Versilia.

Fiabilandia, come arrivare

Raggiungere questo che è uno dei parchi più amati dai bambini è facile:  si trova infatti fra due caselli autostradali, Rimini Sud e Riccione, ha una fermata Bus proprio di fronte, la fermata Fiabilandia del Bus n. 9, e la vicinanza con il litorale permette di arrivare anche dal mare a piedi con il filobus n. 11. In auto, l’uscita consigliata dall’autostrada A14 l’uscita è Rimini Sud; per chi arriva da Sud si consiglia l’uscita autostradale di Riccione

Zoo Safari

Poco distante da Fiabilandia, più verso Ravenna, c’è lo Zoo Safari. Anche in questo caso vale la pena farci un salto (è un eufemismo, ci si passa almeno mezza giornata) con i bambini, non solo piccolissimi. Gli animali affascinano sempre anche noi adulti (vedi i miei racconti dello zoo di Pistoia e del Bioparco di Roma).

 

Un lemure a Zoo Safari, Ravenna

 

Il parco, come in un vero Safari ma in formato ridottissimo, si attraversa in auto. Si può utilizzare la macchina a noleggio all’ingresso, tutta fatta di gabbia stile Jurassic Park, oppure andare con la propria vettura. Io guardando il mio Renault Beeper mi sono detto: “ma sì, è pronto ad affrontare i leoni”.

Con l’auto infatti si attraversa tutto il parco. Liberi, sparsi ovunque, si trovano mufloni e zebre, struzzi e elefanti, giraffe e tanti altri animali, tutti più o meno in una ricostruzione del loro habitat.

Poi ci si trova davanti ad una grande cancellata. Quando il cancello si apre si passa dall’altra parte, si chiude alle spalle e si apre l’altra grande cancellata che si trova di fronte. Ecco che si è dentro la zona dei leoni. Sorniosi e sonnacchiosi, come spesso accade se non li si incontra nel loro habitat naturale. Stessa storia – la doppia cancellata – per l’altra grande attrazione, la zona delle tigri. I bambini, davanti a tutti questi animali, restano affascianti e imbambolati. Io, quando te li trovi a pochi passi dall’auto e ti accorgi che hai anche il finestrino per metà abbassato, un po meno.

 

 

Terminato il tour in auto (si procede a passo d’uomo, ci si ferma per fare foto e video per cui dura anche un paio d’ore) c’è la zona fattoria, con tanti altri animali più comuni. Come già spiegato in altri post sono le caprette,  docili e carine, ad attirare l’attenzione dei più piccoli. Ma anche i lemuri attirano l’attenzione: a turni si può entrare nel  recinto e giocare con loro: si lasciano avvicinare, annusano e – vi avviso – cercano di rubare le GoPro con le aste… mi è successo e non volevo crederci, un lemure mi si è attaccato all’asta e non voleva mollare…

 

 

Ci sono cavalli, struzzi, asini albini, qualche scimmia. E poi c’è, vicino al punto ristoro, un’area riparata con tanti giochi per bambini, a partire dai gonfiabili. Bella anche la zona dedicata ai rettili, anche se non paragonabile al rettilario di Roma all’interno del Bio Parco di Villa Borghese.

L’area delle scimmie

Un’attenzione particolare merita la zona delle scimmie. Ci si arriva al termine (o all’inizio, dipende) del percorso che attraversa la fattoria. Nella zona si entra solo attraverso un trenino, tutto aperto ma protetto da teli in plastica pesante. E il perchè lo capiamo appena dentro. Non appena il trenino si infila nell’area viene letteralmente preso d’assalto dalle scimmie.

Il primo impatto, devo dire, è particolare, forte, forse quasi pauroso: si assiste da dentro al treno a questo assalto, con le scimmie che si lanciano sul convoglio urlando. Poi ci si abitua alla cosa, e si capisce al volo cosa vogliono. All’interno del treno ci sono dei piccoli imbuti dove si possono gettare noccioline che arrivano all’esterno del treno. E lì, tra le scimmie, è una gara a chi riesce ad accaparrarsene di più.

Zoo Safari

 Il biglietto per Zoo Safari costa 25 euro, gratis per i bambini sotto i 4 anni; 21 euro per i bambini dai 4 ai 10 anni

 

Come arrivare

Lo Zoo Safari di Ravenna si trova in via dei Tre Lati 2, Località Mirabilandia a Savio di Ravenna (RA).

 

 Poco distante

Poco distante dai parchi a cui ho fatto visita io ci sono altri importanti realtà, come l’acquario di Cattolica, Mirabilandia e l’Italia in Minitura. Probabilemente saranno meta di prossime visite, quando i miei figli saranno un po’ più grandi. Vale invece sicuramente visitare Ravenna. Io l’ho fatto male e di corsa: tra le cosa che non dimentico la basilica di Sant’Apollinare in Classe con i suoi meravigliosi mosaici, a cui anche Dove vado ha dedicato un post. La promessa quindi è tornare.

 

 

 

 

 

 

 

Teniamoci in contatto!
Ti è piaciuto ciò che hai letto?
Ricevi tutte le novità di questo blog direttamente sulla tua email!
Un mondo di viaggi ti aspetta!
  • DoveVado.net userà le informazioni da te fornite per tenerci in contatto con te e fornirti aggiornamenti e pubblicità inerente il nostro sito e i nostri partner commerciali. Ti preghiamo di comunicarci in quali modi ti possiamo contattare:
  • Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando sul link "disiscriviti" che trovi nel footer di ogni email che riceverai oppure contattandoci a [email protected] Tratteremo le tue informazioni con rispetto e secondo le vigenti normative europee. Per ulteriori informazioni ti invitiamo a leggere la nostra Privacy Policy. Cliccando il pusante "si, Voglio ricevere le ultime novità" accetti che possiamo trattare i tuoi dati in accordo a quanto stabilito dai suddetti termini.
  • MailChimp è lo strumento che usiamo per inviarti le newsletter. Cliccando e inviando questo form, accetti che queste informazioni vengano trasmesse a MailChimp per essere usate in conformità con la loro Privacy Policy e Termini e Condizioni.

(Visitato 265 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)
By | 2018-10-01T16:15:01+00:00 luglio 30th, 2018|Ravenna|0 Comments

About the Author:

Giornalista, social manager, fotografo Papà di Diego e Flavia

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Teniamoci in contatto!
Ti è piaciuto ciò che hai letto?
Ricevi tutte le novità di questo blog direttamente sulla tua email!
Un mondo di viaggi ti aspetta!
  • DoveVado.net userà le informazioni da te fornite per tenerci in contatto con te e fornirti aggiornamenti e pubblicità inerente il nostro sito e i nostri partner commerciali. Ti preghiamo di comunicarci in quali modi ti possiamo contattare:
  • Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando sul link "disiscriviti" che trovi nel footer di ogni email che riceverai oppure contattandoci a [email protected] Tratteremo le tue informazioni con rispetto e secondo le vigenti normative europee. Per ulteriori informazioni ti invitiamo a leggere la nostra Privacy Policy. Cliccando il pusante "si, Voglio ricevere le ultime novità" accetti che possiamo trattare i tuoi dati in accordo a quanto stabilito dai suddetti termini.
  • MailChimp è lo strumento che usiamo per inviarti le newsletter. Cliccando e inviando questo form, accetti che queste informazioni vengano trasmesse a MailChimp per essere usate in conformità con la loro Privacy Policy e Termini e Condizioni.

close-link