Il castello di Spedaletto in Val d’Orcia

Se amate la Val d’Orcia il Castello di Spedaletto potrà solo farvi innamorarvi ancora di più. La storia della Toscana centrale qui si respira a pieni polmoni mentre gli occhi assaporano il panorama che penetra, come si suol dire, nel cuore.

campagna toscana Pienza

Castello di spedaletto dove si trova

Il Castello di Spedaletto vicino Pienza, si trova lungo la strada che unisce la città rinascimentale a Bagno Vignoni. Viaggiare su queste strade è sempre piacevole, il verde delle colline che si susseguono ipnoticamente è sublime anche se durante il nostro viaggio il sole non è perfettamente a picco e il cielo è velato.
Il castello si trova proprio al bordo della strada principale quindi non abbiamo avuto nessuna difficoltà a trovarlo.

Durante il nostro itinerario in Val d’Orcia è stata una tappa molto gradita.

Un antico Spedale sulla via Francigena

Il nome, Spedaletto, indica chiaramente la sua antica funzione di “spedale”, uno dei tanti sorti lungo quella via francigena che attraversa la Val d’Orcia.

Castello di Spedaletto Pienza
Castello di Spedaletto Pienza

Il castello ha un aspetto imponente e di grande fascino, fu Ugolino di Rocchione, un religioso del XII secolo, che si impegnò nella costruzione di questo edificio fortificato per accogliere i pellegrini lungo la via Francigena che nel medioevo collegava Roma all’Italia settentrionale.
Appartenne allo Spedale di Santa Maria della Scala di Siena.
La scelta di una posizione importante ne fecero fortune e sfortune.

Nel corso del Quattrocento furono effettuati lavori di restauro che modificarono l’originario aspetto del castello di origine medievale, conferendogli l’aspetto di grancia (fattoria fortificata); risalgono al 1446 l’antiporta con mura.

È davvero bello da vedere il Castello di Spedaletto con le sue torri su ogni angolo a sorreggere la pianta quadrata.
L’idea di fortezza la esprime tutta, anche attraverso la merlatura e il poderoso mastio difensivo.

Castello di Spedaletto agriturismo

Oggi il castello è proprietà privata ed è stata diviso tra diversi eredi ognuno dei quali lo ha trasformato in un diverso tipo di accoglienza turistica. Ma se come me volete dormire nelle camere del castello principale e vivere la magia, dovete cercare Agriturismo la Grancia Castello di Spedaletto. Qui la proprietaria Cinzia con i figli Alice e Francesco ci hanno accolto con una simpatia e una gentilezza unica. La camera era dotata di aria condizionata, direi ideale per le notti estive come la nostra. I letti tutti con cuscini in memory foam e top del materasso anch’esso in memory ci hanno fatto dormire da Dio. La pulizia della camera e del bagno erano veramente al massimo e devo dire piacevole stupore i saponi a disposizione veramente di alta qualità, non le solite cose scadenti. Si lo so, ho un piccolo feticismo per i buoni saponi!

La struttura possiede un biolago, ovvero una piscina “naturale” dove è possibile fare il bagno ma che non contiene cloro. Le acque vengono pulite per fitodepurazione ovvero attraverso una serie di piante che depurano e ossigenano l’acqua. Ammetto che il mio primo bagno mi ha lasciato un po’ “stranito” ma questo senso è passato subito dopo essere usciti quando la pelle rimane bella e per niente sciupata dal cloro.

Il luogo è semplicemente magico, un ottima ristrutturazione, estremamente rispettosa, ha reso questo posto un oasi dove rifugiarsi e anche un ideale luogo per vedere tutta la Valdorcia grazie alla sua centralità.

Il luogo come già dicevo è gestito dalla famiglia di Cinzia, tutti sempre ed incredibilmente disponibili, gentile e simpatici. Alice e Francesco ci sono stati di grande aiuto per trovare luoghi interessanti da vedere e meno conosciuti al grande pubblico.

Ma la sorpresa migliore è stata la mattina, la Colazione. Non ho usato la C maiuscola per sbaglio! Moltissime le torte prodotte in casa dalla “castellana”, i prodotti tipici locali e la frutta colta direttamente dagli alberi dell’agriturismo rendono l’offerta della prima colazione veramente eccellente.

Abbiamo goduto della cura dei particolari e della bellezza che scaturisce dall’incontro della pietra con i materiali più moderni.
Pensare che qui i pellegrini arrivavano stanchi dal lungo cammino e che questo posto ha ospitato anche eccellenti personaggi come Carlo II D’Angiò e Papa Pio II.

Di grande effetto è la vista sulla più romantica Val d’Orcia, con le sue colline dolci, la leggera nebbia mattutina del fondovalle.
Tra piscina e cucina familiare e la calda accoglienza è inutile domandarsi cosa vedere al castello di Spedaletto: tutto.

Castello di Spedaletto
(Visitato 127 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su WhatsApp
Condividi su telegram
Condividi su Telegram
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest
Condividi su pocket
Salva su Pocket
Condividi su email
condividi via email
Condividi su print
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice