Scozia tour cosa vedere in 7 giorni nelle highlands

Ogni anno a settembre organizzo con i miei fidati compagni di avventure un viaggio on the road e per il 2019 abbiamo scelto un bellissimo Scozia Tour in auto di sette giorni alla scoperta delle Higlands.

Un tour on the Road e sempre un’esperienza avvincente, ma stancante quindi se decidi di farla insieme ad altre persone, l’affiatamento e la stessa visione del viaggio sono indispensabili.
Ornella ed io per queste specifiche occasioni abbiamo una coppia di amici, John e Piera che sono dei perfetti compagni di viaggio.

Scozia tour in auto
Scozia tour in auto

Di solito scegliamo insieme una meta durante il tragitto di ritorno del viaggio che stiamo in quel momento facendo. Così durante il nostro rientro dal Portogallo la “pallina della roulette” si è fermata sulla Scozia. 
John era molto curioso, ma devo dire un po’ scettico: “Mi volete portare a vedere dei prati verdi”, ma il nostro Road trip scozzese è stato uno dei più bei viaggi fatti insieme, tanto e vero che la scelta per il prossimo anno è ricaduta nuovamente sulla Scozia, per un secondo tour alla scoperta delle Isole Orcadi dei magnifici paesaggi scozzesi e delle aree che non abbiamo visto in questo viaggio.

Dove si trova la scozia

La Scozia si trova nel nord della Gran Bretagna e ne occupa più di un terzo della sua superficie, gli antichi Romani la avrebbero descritta come quella terra che si trova a nord del Vallo di Adriano.

La Scozia, in inglese Scotland, in gaelico scozzese Alba, non ha confini internazionali. È circondata dall’oceano Atlantico e il suo territorio comprende altre 790 isole minori tra cui le isole Orcadi, le Ebridi e le isole Shetland. 

La scozia ha un territorio pianeggiante con rilievi con caratteristiche diverse da quelle alpine. Dai miei studi di Geologia, ricordo che è un di quei luoghi più antichi al mondo createsi con l’orogenesi Caledoniana.

Voli low cost scozia

Si può raggiungere la Scozia con molti voli Low cost e per qunto mi riguarda, da Pisa Ryanair ha disponibili le rotte sia per Edimburgo che per Glasgow e abbiamo speso circa 110 euro a persona andata e ritorno con bagaglio in cabina e 1 in stiva.

Non fate il nostro errore però! Ammaliati dalla quantità di bagagli che potevamo portare con noi, non abbiamo tenuto conto che avremmo dovuto affittare un furgone anziché noleggiare un’auto.     
Sebbene da Pisa, l’aeroporto più vicino a noi, fossero disponibili voli sia per Glasgow che per Edimburgo, abbiamo optato per il secondo dato che l’obiettivo del nostro tour scozia in auto era quello di visitare il Fife, le Higlands e l’isola di Skye.

Scozia cartina 

Il nostro tour della Scozia è partito da Edimburgo per farvi ritorno dopo sette giorni percorrendo 1700 km in auto. Un viaggio che ci ha portato nel cuore delle highlands scozzesi alla scoperta della sua natura e dei suoi paesaggi incredibili.

Scozia cartina - tour della scozia in 7 giorni
Scozia cartina – tour della scozia in 7 giorni

Cosa vedere in Scozia

Il viaggio in Scozia che ci eravamo costruiti toccava molte mete dei viaggi fai da te highlands.
Viste le grandi distanze che dovevamo percorrere ci siamo concentrati sugli aspetti naturalistici tralasciando, almeno per questa volta, la visita dei centinaia di castelli scozzesi che caratterizzano il territorio.

Scozia luoghi di interesse

Nel nostro tour highlands da Edimburgo ci siamo focalizzati sul visitare le location dei film, sui paesaggi e sulla visita delle distillerie più famose che producono l’originale scotch whisky.
Abbiamo visitato molte tra le location dei film di Harry Potter, quelle del film Skifall di 007 e infine le quelle delle intramontabili scene del film Highlander.


Scozia cosa vedere – Primo giorno – Edimburgo cosa vedere

Il primo giorno del nostro tour in scozia lo abbiamo dedicato a visitare la città di Edimburgo, la capitale della Scozia. Avendo solamente un giorno a disposizione ci siamo concentrati nella nostra visita al Royal Mile con i suoi palazzi, St Gile’s Cathedral, the hub e infine il castello di Edimburgo.

Cattedrale di St Gile's Royal mile Edimburgo
Cattedrale di St Gile’s Royal mile Edimburgo
Cattedrale di Saint Gile's Edimburgo
Cattedrale di Saint Gile’s Edimburgo
The Hub Royal mile Edimburgo
The Hub Royal mile Edimburgo
Castello di Edimburgo
Castello di Edimburgo

Un’altra attazione della città è il Holyrood Palace, residenza della regina quando visita Edimburgo, del quale sia gli interni che i giardini sono un’attrazione che non potete perdere.

Holyrood Palace
Holyrood Palace – Residenza della Regina a Edimburgo
Holyrood palace - Giardino interno
Holyrood palace – Giardino interno
Holyrood Palace - Sala da Pranzo della Regina
Holyrood Palace – Sala da Pranzo della Regina
Holyrood Palace
Holyrood Palace – Rovine della Chiesa
Holyrood Palace - Giardini
Holyrood Palace – Giardini

Calton Hill è un luogo incredibile, un parco situato su una delle alture che circonda la città dalla quale si ha una vista a 360 gradi sulla città fino al mare.

Calton Hill observatory
Calton Hill observatory
Calton hill
Calton hill

Harry Potter Edimburgo

Negozio Harry Potter Royal Mile
Negozio Harry Potter Royal Mile

Un primo assaggio delle location dei film di Harry Potter lo abbiamo avuto visitando il Greyfriars Kirkyard, un antico cimitero che rappresenta il luogo dove Voldemort, ops “Voi sapete chi” riottiene il suo corpo e i suoi poteri magici.

Greyfriars Kirkyard tomba di Tomas Riddle
Greyfriars Kirkyard tomba di Tomas Riddle – Photo credit: OliverN5 on VisualHunt.com / CC BY-ND

Leggendo i nomi sulle lapidi si può scoprire come molti abbiano familiarità con i personaggi della storia di Harry Potter, fino a trovare la lapide di Tomas Riddle.

Greyfriars Kirkyard
Greyfriars Kirkyard

Se gli esterni di Diagon Halley sono quelli di Ledonhall Market di Londra, le strade più famose dello shopping dei maghi sono quelle di Grassmarket, zona caratterizzata da ripide strade con file di palazzi a mattoni scuri, intervallati da edifici gialli, blu cenere e rosso opaco.

Grass market - diagon Alley
Grass market – diagon Alley

La Rowling si è ispirata proprio a questa zona per descivere il mercatodei Maghi.

Dove dormire a Edimburgo

Per il nostro soggiorno a Edimburgo abbiamo scelto di alloggiare fuori dal centro, per l’esattezza a Grand Harbour Apartments di Leith. Un luogo ideale, specialmente se come noi avevamo la macchina, ma ci hanno detto che era ben servita anche con i mezzi pubblici per il centro città.

GRand Harbour apartments
GRand Harbour apartments

Appartamente molto belli e dotati di tutti i confort sul mare, ideali come base per visitare tutte le zone circostanti. Anche il prezzo era molto buono, abbiamo speso 100 euro a notte per un appartamento per 4 persone con 2 bagni.

Leith al tramonto
Leith al tramonto

 Scozia Tour – Secondo giorno – Il Fife

Nel nostro secondo giorno avrebbe avuto inizio il vero e proprio tour scozia 7 giorni alla scoperta delle highlands. Prima di dirigersi a Nord, come pervisto abbiamo fatto una deviazione verso sud perché non potevamo perdere una delle attrazioni principale in fatto di filmografia: La cappella di Rosslyn.

Tour Scozia - Secondo Giorno
Tour Scozia – Secondo Giorno

Rosslyn Chapel

Nella cappella di Rosslyn si svolge una delle scene chiave del Codice da Vinci: quando il dottor Langdon e Sofie scoprono i segreti del professor Sauniere.

Rosslyn Chapel
Rosslyn Chapel – Cappella di Rosslyn – Codice Da Vinci
The apprentice Pillar - La colonna dell'apprendista
The apprentice Pillar – La colonna dell’apprendista

Consiglio vivamente di visitarla, perché più che una cappella la definirei una cattedrale in miniatura che nasconde molte stranezze come, seppur il suo completamento risalga al 1450, la rappresentazione sulle colonne e sui fregi di Foglie di tabacco, di mais e di agave che sosterrebbero che William St. Clair’s si recò in America prima dei viaggi di Colombo.

Cappella di Rosslyn
Cappella di Rosslyn

Vi posso assicurare che la visita vi lascerà non poche domande miste a inquietudine e mistero. 

Alla scoperta del fife

Avevo letto molto di questa zona, devo dire che ha rispecchiato tutte le nostre aspettative villaggi di pescatori con le loro case multicolore, campi di grano ed orzo che confinano con il mare e scorci mozzafiato.

Il primo villaggio che abbiamo visitato è stato Elie dove abbiamo fatto una sosta per visitare il faro e le sue caratteristiche spiagge. 

Anstruther - FIFE - Scozia
Anstruther – FIFE – Scozia

Ripreso il cammino siamo giunti a Anstruther dove è impossibile perdere la bellezza del piccolo borgo multicolore, ma soprattutto il più rinomato fish and chips della costa est della Scozia.

Anstruther - Fish and chips
Anstruther – Fish and chips
Anstruther - birra
Anstruther – birra in riva al mare

Proseguendo siamo arrivati a Crail un vecchio villaggio di pescatori molto caratteristico dove edifici tradizionali e piccoli negozi incorniciavano il piccolo porticciolo.

Crail FIFE
Villaggio di Crail FIFE

Oltre a terreni coltivati, scogliere e scorci da cartolina, il territorio del Fife è letteralmente disseminato di Campi da golf che rappresenta uno degli sport nazionali in Scozia e il nostro percorso non poteva mancare il luogo dove questo sport è nato.

St Andrews dove è nato il Golf

Il campo da golf di Saint Andrews non è un seplice campo da golf, bensì IL CAMPO DA GOLF per eccellenza.

old course St Andrews - buca 18
Old course St Andrews – buca 18

Old course st Andrews è il campo da golf più antico e iconico del mondo. Il ponte Swilcan e Hell Bunker sono riconosciuti in tutto il mondo, ma la più grande caratteristica del vecchio campo è che, nonostante il suo grande status, rimane un campo da golf pubblico, aperto a tutti anche se per giocare si deve prenotare con almeno 6 mesi di anticipo.

Saint Andrews Old Course Club house
Saint Andrews Old Course Club house

Era uno dei luoghi chiave del nostro Scozia tour ed è stata davvero un’emozione poter calpestare il terreno che in alcuni punti sembrava davvero moquette e fare una foto sul ponte più riconosciuto dai golfisti di tutto il mondo, il ponticello della 18.

ponte Swilcan St Andrews
Ponte Swilcan Saint Andrews
ponte Swilcan St Andrews
Ponte Swilcan St Andrews

Saint Andrews è una cittadina molto carina dove non sfugge la ricchezza e l’alto livello dei suoi frequentatori.

Aberfeldy, una perla immersa nella natura

Il nostro viaggio prosegue per raggiungere il luogo che avevamo scelto per la notte: Aberfeldie. 
Un villaggio all’interno del parco naturale Tay forest Park porta delle Highland.
Un luogo dal passato industriale grazie alla lavorazione della lana grazie ai molti mulini ad acqua sul fiume Tay e naturalmente alla distillazione del whisky.
Avremmo voluto cominciare con i nostri assaggi di whisky scozzese, ma sfortunatamente al nostro arrivo la distilleria del paese, una delle più conosciute di scozia era gia chiusa. Ci saremmo rifatti nei giorni seguenti!

Moness Resort Aberfeldy
Moness Resort Aberfeldy
Moness Resort
Moness Resort
Camera Moness Resort
Camera Moness Resort

Highlands Scozia – terzo giorno del nostro viaggio on the road

Tour Scozia - Terza Tappa
Tour Scozia – Terza Tappa

Anche quella che doveva essere una tappa di trasferimento ci ha riservato molte sorprese e paesaggi da far venire le lacrime agli occhi.
Dovendo partire presto al mattino e non è stato possibile visitare la locale distilleria di Aberfeldy, ma il nostro incontro ravvicinato con i migliori whisky scozzesi non sarebbe tardato.
A pochi chilometri dalla nostra partenza abbiamo fatto sosta a Blair Athol per la visita di una delle distillerie più caratteristiche di tutta la Scozia.

Blair Athol Distillery
Blair Athol Distillery
Degustazione Whisky Blair Athol
Degustazione Whisky Blair Athol
Distilleria Blair Athol
Distilleria Blair Athol – Scozia

Non avevo mai bevuto whisky, tantomeno alle 10 del mattino, ma l’occasione era di quelle imperdibili.
Ripreso il viaggio siamo entrati nel parco naturale Cairngorms National Park tra foreste secolari costeggiando il Loch Ericht fino a Dalwinnie, luogo della più famosa distilleria delle Highlands.

Anche qui la sosta per un assaggio e per la visita della distilleria era d’obbligo: ore 11 ed eravamo già al secondo whisky.

La distilleria di Dalwinnie è davvero stupenda, un edificio bianco che risplende in un paesaggio verde intenso.

dalwhinnie distillery
dalwhinnie distillery – Photo credit: raphael.chekroun on VisualHunt.com / CC BY-ND
degustazione distilleria dalwhinnie
degustazione distilleria dalwhinnie

Ripreso il cammino verso Fort Augustus e il lago di Loch Ness, nostro punto di arrivo, abbiamo costeggiato da prima il Loch Laggan siamo passati sotto al Ben Nevis, la montagna più alta di Scozia e poi il Loch Lochy.

Port Augustus e il Loch ness

Finalmente intorno alle 14 abbiamo raggiunto Port Augustus, estremo meridionale del Famosissimo lago di Lochness.
Fort Augustus si trova anche all’inizio del Caledonian canal, fatto costruire dalla regina Vittoria per permettere di attraversare la Scozia da Inverness a Oban per circa 130 chilometri.

Higlands dove dormire

Arrivati a Fort Augustus ci siamo messi a cercare il nostro alloggio che avevamo prenotato con Booking.com. Il navigatore ci portava proprio sul Lago di Lochness ma non riuscivamo a trovare il nostro appartamento, di fronte a noi solamente un’abbazia del 1500, fino a che, chiedendo in giro abbiamo scoperto, con estremo stupore, che il nostro appartamento si trovava proprio lì, all’interno dell’abbazia. Ora comprendo perché si chiamasse Sacresty.

The Highlands Club Fort Augustus
The Highlands Club Fort Augustus
The Highlands club fronte lago
The Highlands club fronte lago
Il chiostro the highlands Club
Il chiostro the highlands Club
The Highlands club Sala Giochi
The Highlands club Sala Giochi
THe Highlands Club Scozia
THe Highlands Club Scozia

The Higlands club e in assoluto uno degli alloggi più suggestivi che abbia mai trovato durante i nostri viaggi e se vi capita di seguire il nostro itinerario lo consiglio vivamente come base per visitare le aree circostanti. Un’abbazia riconvertita in appartamenti di Lusso dove si potevano trovare ogni tipo di servizio, dalla piscina ai campi da tennis, dal campo da cricket alla sala biliardo. Una meraviglia a prezzi accessibili!
Abbiamo infatti speso circa 100 euro al giorno per una casa a 2 piani con due camere e due bagni.

Appartamento The Highlands Club
Appartamento Sacresty – The Highlands Club
Appartamento Sacresty - zona pranzo
Appartamento Sacresty – zona pranzo
Pranzo sul lago di Lochness
Pranzo sul lago di Lochness

Il Castello di Urqhart

Non appena ci siamo ripresi dalla magnificenza del nostro appartamento, siamo risaliti in auto per dirigersi verso Urquhar Castle, una vera meraviglia sulle sponde del Lago di Lochness.
Al di là della sua storia importante è una delle location del film che negli anni ottanta ha fatto un’epoca: Highlander! In quel luogo ci fu girata la scena dove fu ucciso Sean Connery.

castello di Urqhart
castello di Urqhart
Torre castello di Urqhart
Torre castello di Urqhart
Castello Urqhart lago di Lochness
Castello Urqhart lago di Lochness

L’atmosfera in questo luogo è davvero magica e siamo stati oltre un’ora a contemplare questo luogo così stupendo.


Tour della scozia – quarta tappa

Scozia Tuor quarto giorno
Scozia Tuor quarto giorno

Il giardino del nostro appartamento confinava direttamente con il Lochness ed è inutile dire quando sia stato suggestivo alzarsi all’alba per ammirare così tanta bellezza.

Alba sul lago di Lochness
Alba sul lago di Lochness

Il lago all’alba aveva la caratteristica nebbiolina sulla superficie e il sole nascente rendeva tutto infuocato. Godermi questo panorama, anche se non ho visto Nessie, seduto sulla panchina davanti a casa circondato da coniglietti e da anatre aveva un che di fiabesco.

Isola di skye da non perdere

Di buon ora siamo partiti alla volta dell’isola di Skye. Uno dei problemi della scozia è che le strade non sono molte e anche se ben curate, quasi sempre si è costretti a lunghi giri sempre sulle solite vie.
Questo non aiuta quando si fa un tour in auto perché ci si trova di fronte ai soliti paesaggi già visti.

L’isola di Skye è collegata alla terra ferma con un enorme ponte, lo Skye Bridge che consente un ottima visuale su tutta la baia.

Il tempo non era dei migliori, ma facendo come i locals abbiamo bandito l’ombrello. Devo dire che la Scozia ha molto più fascino con il tradizionale tempo piovigginoso che con il sole.

Isola di Skye ponticello
Isola di Skye ponticello
Skye sotto la pioggia
Skye sotto la pioggia

La prima tappa del nostro tour di Skye era la distilleria della Talisker e un luogo dove mangiare che avevamo trovato nelle nostre ricerche prima della partenza: The Oyster Shed. Quando si dice Shed (Barracca) si intende proprio una barracca, dove i pescatori locali portano Ostriche, salmone, capesante appena pescate che vengono cucinate sul posto.

The Oyster shed Carbost
The Oyster shed Carbost
The Oyster shed
The Oyster shed
Capesante scampi e salmone alla Oyster shed
Capesante scampi e salmone alla Oyster shed

Talisker distillery

La distilleria Talisker è l’unica presente sull’isola, ma è tra le più importanti di tutta la Scozia. Si trova proprio sul mare e i profumi della torba che brucia misti all’aria di mare sono le essenze principali di questo famosissimo scotch whisky.
Inutile dire che abbiamo fatto i nostri consueti assaggi e visto che l’ora lo permetteva abbiamo optato per quello che loro chiamano “Flight” la verticale che si fa per i vini: tre whisky in sequenza.

Distilleria Talisker
Distilleria Talisker
Talisker Whisky
Degustando Talisker Whisky

Neist Point lighthouse

Dopo aver pranzato ci siamo diretti verso il faro di Neist Point, uno dei luoghi più suggestivi dell’isola.
Il percorso cbe attraversava l’isola di Skye fino a raggiungere in faro aveva un fascino incredibile. Camminare in auto in piccole strade nella brughiera circondati da greggi di pecore e contemplando scorci di paesaggio indescrivibili ci ha dato delle sensazioni bellissime.

Alla fine di un percorso di oltre 30 minuti siamo arrivati a Neist Point, il punto più ad Ovest dell’isola. Da lì una breve camminiata fino al faro calpestando prati che sembravano di gommapiuma ci ha immersi nella fascino dell’isola.
Una scogliera immensa che nascondeva sul lato opposto il faro, ci siamo fermati nel punto più alto per contemplare la magnificenza e per farci, da buoni italiani, un ottimo caffé con la mia macchinetta portatile.

Neist Point
Neist Point
Neist point faro e scogliera
Neist point faro e scogliera
faro di Neist Point
faro di Neist Point
Verso il faro di Neist Point
Verso il faro di Neist Point
Neist Point il faro
Neist Point il faro

Il tempo scorreva inesorabile, devo dire con rammarico che un solo giorno non basta per visitare Skye, non siamo potuti arrivare ne a The Storr ne alle Cascate delle Fate.
Abbiamo intrapreso il nostro viaggio di ritorno verso Fort Augustus passando per il pittoresco villaggio di Portree attraversando l’isola per una strada panoramica molto stretta in mezzo alle montagne.

Piccole fattorie disseminate sul percorso, greggi di pecore che rientravano agli ovili, ma è stato facendo una sosta sulla sommità delle coline che abbiamo avuto la sensazione dell’infinito e della magnificenza della natura.

Pecore isola di Skye
Pecore isola di Skye
Villaggio di Portree
Villaggio di Portree

Il castello di Elian Donan

Rientrando verso Fort Augustus, non potevamo non fermarci per vedere quello che è ritenuto uno dei castelli più suggestivi al mondo.
Il castelli di Elian Donan si trova su una piccola isola sul loch Duich collegato alla terra ferma da un ponte in pietra.
Location di moltissimi film, da Highlander (la scena dove il clan Macleod parte per la battaglia) fino a finire al solito Harry Potter, abbiamo avuto la fortuna di visitarlo al tramonto… senza pioggia e l’atmosfera era davero suggestiva.

Castello di Elian Donan
Castello di Elian Donan

Inverness e lo Speyside – quinta tappa del nostro viaggio in scozia

Il quinto giorno ci siamo diretti verso Inverness e lo Spyeside dove si trovano la maggiorparte delle oltre 130 distillerie di whisky scozzesi.

Tour della scozia - quinto giorno
Tour della scozia – quinto giorno

Dopo una sosta ad Inverness, città molto carina e capitale delle Higlands, ci siamo diretti verso la regione dello Spyeside per visitare alcune distillerie come Glenmorey, Glangrant e la più bella in assoluto Macallan.

La distilleria Macallan

Glenmoray ha conservato il suo fascino industriale, Glenngrant immersa in un enorme giardino ha un grosso fascino e il suo whisky shop sembra una gioielleria, ma quella che non si può perdere è la distilleria Macallan, che produce uno dei whisky scozzesi più famosi al mondo.

A vederla da fuori sembra la casa dei Teletubbies, piccole colline verdi che fanno da tetto alla struttura che è tutta sotto il livello del terreno.

Entrando all’interno però la vera sorpresa: spazi immensi e modernissimi, pareti in vetro composte da tutte le bottiglie prodotte, da rimanere lettealmente a bocca aperta. Una reception degna di un albergo a cinque stelle e al livello superiore la zona degustazioni.

Interno Macallan
Interno Macallan

Occasione per il nostro ennesimo “Flight” un assaggio di tre scotch wisky in verticale tra cui una selezione della quale ne sono state prodotte solo 8000 bottiglie e una selezione speciale a 65° da diluire a piacere con l’acqua dei torrenti vicini.

Nella zona degustazione, una enorme parete in vetro divideva l’area accessibile al pubblico da quella di produzione con gli enormi alambicchi in rame.

Interni distilleria Macallan
Interni distilleria Macallan
Degustazione Macallan
Degustazione Macallan
Alambicchi distilleria Macallan
Alambicchi distilleria Macallan

Walker short bread

Lungo il percorso una sosta doverosa alla fabbrica degli short bread più famosa al mondo. Sono fra i nostri biscotti preferiti e dopo i numerosi assaggi, ne abbiamo fatto incetta da portare a casa a prezzi davvero convenienti.


GlenCoe – Sesta tappa del tuor in Scozia 

Abbiamo lasciato con tristezza il nostro alloggio sul lochness per affrontare una tappa che ci avrebbe portato sulle location di alcuni fim che amiamo: Harry Potter e 007 Skyfall.

Viaggio in scozia in auto tappa 6
Viaggio in scozia in auto tappa 6

Sempre immersi nelle foreste costeggiando laghi siamo arrivati a Glenfinnan. Il luogo è storicamente famoso per una delle batttaglie giacobite per il trono di Scozia, ma i moltissimi turisti presenti, Giapponesi in testa erano lì per visitare il viadotto ferroviario

Glenfinnan e il treno di Harry Potter

Una delle scene più famose della saga, e quella del treno che porta i piccoli maghi alla scuola di Hogwarts e sia il treno, che ogni giorno fa il suo percorso da Glenfinnan a Fort Williams, che il famoso viadotto si trovano proprio qui.
Il treno Hogwarts Express era proprio in stazione, rosso proprio come nei films e sulla banchina carrelli con valige d’epoca e le scope degli apprendisti maghi.

Hogwarts Express - il treno di Harry Potter
Hogwarts Express – il treno di Harry Potter
Stazione di Glenfinnan
Scozia tour – Stazione di Glenfinnan

Il viadotto di Glenfinnan

Il viadotto non è diverso dai molti che ho visto nei miei viaggi, ma è l’ambientazione e la suggestione a farlo diventare davvero speciale. Uno dei rari momenti in questo viaggio dove ho potuto fa volare il drone a causa del vento sempre sostenuto e l’effetto è stato davvero magnifico.

Glenfinnan Viaduct

Il Glencoe

Il Glenco è una immensa vallata circondata dalle montagne che lascia senza fiato. Percorrendolo in auto sembra di essere nel bel mezzo di un trek in montagna. una natura sconfinata e magnifica faceva da cornice al nostro girovagare. Un luogo che consiglio vivamente di visitare. Ci siamo ripromessi, in un prossimo viaggio di fermari di più per fare un percorso a piedi tra le decine presenti. 

Glencoe - Scozia Tour
Glencoe – Scozia Tour
Glencoe viaggio in scozia
Glencoe viaggio in scozia

Purtroppo non avremmo mai pensato a così tanta bellezza e i tempi che avevamo erano molto stretti per poter dedicarci all’esplorazione.

Sempre tornando ad Harry Potter, qui sono state abientate alcune scene del film e il luogo della casa di Hagrid.

Glen Etive alla ricerca di Skyfall

Come molti anch’io mi sono chiesto dove si trovasse Skifall, dove James Bond porta M per nasconderla. Cercando su google avevo scoperto che si trovava proprio da queste parti, così ci siamo rimessi in auto per cercare la sua posizione.
Ci siamo inoltrati nella stretta valle del Glen Etive, una gola con un piccolo fiumiciattolo al centro e dopo circa 20 minuti abbiamo trovato finalmente il luogo che è rappresentato nella locandina del film.

Scena Skyfall 007
Scena Skyfall 007
Skifall glen Etive
Skifall glen Etive

Un vento gelido e una temperatura di circa 5 gradi ci hanno fatto dimenticare che eravamo sempre in estate, ma l’eccitazione e lo stupore ci hanno fatto assaporare a pieno anche questi momenti, cercando l’inquadratura giusta e immortalando l’attimo.

Verso il Loch Awe, punto tappa per la notte

Siamo ripartiti in direzione sud, costeggiando infine le rapide di un fiume dove facevano Rafting siamo arrivati al nostro Albergo. Seppur veramente fuori mano (sapendo dove si trovava non lo avrei scelto) è stata un’esperienza davvero unica.

Il Taycrheggan Hotel è un piccolo angolo di paradiso sulle rive del Loch Awe nella regione dell’Argyll. Un luogo fiabesco dove abbiamo passato unici. Enormi vetrate che guardavano il lago, la pioggia e la bruma alle finestre, il caminetto accesso sorseggiando il solito Whisky.

Taycrheggan hotel scozia
Taycrheggan hotel Scozia

Anche la sala per la cena era davvero suggestiva: una vecchia rimessa per i carri dove al posto della porte c’erano delle enormi finestre con vista lago. Le camere, in tipico stile inglese, sembravano uscite da un film d’epoca.

Taycrheggan hotel Argill
Taycrheggan hotel Argill

Da Oban a Ediburgo passando – Ultimo giorno del nostro tour in Scozia

Tour Scozia in auto - ultimo giorno
Tour Scozia in auto – ultimo giorno

Dopo un breve tragitto siamo arrivati a Oban, cittadina portuale da dove partono tutti i traghetti per le isole e quindi molto trafficata dai turisti. 
Sede dell’omonima distilleria famosissima nel mondo ci ha dato l’occasione per l’ultimo assaggio di ottimo Scotch. Abbiamo approfittato anche per gli ultimi acquisti prima di riprendere il viaggio di ritorno

distilleria Oban
Distilleria Oban

Falkirk e the Kelpies

Prima di raggiungere l’aeroporto, abbiamo fatto una sosta a Falkirk per vedere un’opera idraulica imponente: La ruota di Falkirk. Avevo un ricordo di quando una delegazione scozzese venne a Viareggio in occasione del carnevale e mi regalarono una bottiglia con le effigi di questa struttura.

Falkirk Wheel - ruota di Falkirk
Falkirk Wheel – Photo credit: M McBey on Visualhunt.com / CC BY

La ruota di Falkirk è un ascensore idraulico che collega l’Union Canal con il canale Forth and Clyde che si trovano a livelli diversi. Non avevo mai visto una cosa del genere ed è stata molto suggestiva.

The Kelpies

L’ultima tappa del nostro viaggio scozzese, è stata la visita del monumento The Kelpies, due enormi teste di cavallo che si trovano in una delle porte del canale Forth and Clyde e sono un omaggio ai cavalli della scozia e del loro apporto all’industri e all’economia scozzesi.

the Kelpies
the Kelpies

Il nostro viaggio è giunto al termine, riconsegnata la nostra Vauxall Mokka (Opel Mokka per gli italiani) scopriamo di aver percorso 1700 chilometro in sette giorni scorrazzando per le terre scozzesi.

Tour scozia – Informazioni utili

Metto di seguito alcune informazioni utili per hi volesse fare questo viaggio, se cercate altre info non esitate a scrivere nei commenti.

Meteo scozia

Il meteo in scozia cambia costantemente. Nel periodo di Settembre, nel quale abbiamo fatto questo viaggio, il tempo è stato davvero variabile.
Parlando con un signore in un Pub mi ha detto che in Scozia si possono avere tutte e tre le stagioni in un giorno. L’estate non è contemplata!

Nonostante la pioggia, nessuno porta l’obrello. Solo alcuni turisti lo fanno, perciò non fatevi riconoscere!
Un buon giacchetto antipioggia è sufficiente anche perché il costante vento vi asciugherà in men che non si dica.

Temperature in scozia

La temperatura che abbiamo trovato agli inizi di settembre è stata da 18 gradi in un giorno di sole ad una minima di 4 gradi. La media durante il giorno non ha mai uperato i 16°.

Guidare in Scozia

Vi ricordo che in Scozia si guida a sinistra, quindi preparatevi.
La cosa più difficoltosa però non è quella: molte strade di Scozia, quelle locali e turistiche soprattutto, sono ad una corsia con frequenti scansi lungo la carreggiata per permettere l’incrocio delle auto.

Cosa mangiare in Scozia

Ho mangiato davvero bene, sia nei ristoranti che a casa. Carne buonissima (ricordo che la qualità è Angus) e pesce strepitoso. Inoltre se si fa la spesa nei supermercati i prezzi sono molto bassi per essere in Gran Bretagna. Diciamo che i costi dei generi di prima necessità sono calmierati.

Dove dormire in Scozia

Per la tipologia di viaggio che abbiamo fatto, preferisco alloggiare in appartamenti e cottage. Più comodi e da senza dubbio con una libertà maggiore. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Abbiamo scelto strutture molto belle e i prezzi erano accessibili, circa 100 euro a notte per 4 persone.

Cosa Acquistare in scozia

Come prima cosa Whisky, ma anche gli altri prodotti tipici specialmente quelli tessili come il tweed e il Cashmere si trovano con facilità.
Se per i generi Alimentari i prezzi sono bassi, per tutto il resto, hanno costi molto elevati, quindi a meno che non sia una cosa davvero introvabile, prendete nota e acquistate su internet al vostro ritorno.


(Visitato 1.081 volte. Solo oggi ci sono state 4 visite a questo articolo)

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi le ultime novità direttamente nella tua email.

Tanti consigli di viaggio ti aspettano

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest

20 risposte

  1. Sono luoghi davvero suggestivi, e mi piacerebbe davvero molto fare tutto il percorso rigorosamente on the road. Vorrei aspettare che la bimba si faccia un po’ più grande, in modo da far comprendere anche a lei l’importanza di alcuni siti, e la storia del paese che la ospita. È senza dubbio più impegnativo di un road trip in Europa, e vorrei che fosse più consapevole.

    1. vero, abbiamo fatto 1700 km in sette giorni. Abbiamo visto solo alcuni aspetti per cui abbiamo deciso di tornare il prossimo anno – siamo stati davvero rapiti – per vedere le cose che ci mancano.

  2. Ho trovato l’articolo davvero affascinante soprattutto perché la Scozia è una meta che sogno da tempo e che al momento rimane nella lista dei desideri. Ho letto attentamente il vostro itinerario e prenderò sicuramente spunto.

  3. Davvero molto interessante questo itinerario, non sono mai stata in zona ma ci piacciono molto gli Otr e potrebbe essere un’ottima idea di Viaggio insieme ai bambini

  4. Tra distillerie e abbazie, questo è un itinerario che mi piace. Puoi stare certo che l’alloggio in abbazia non me lo perderò nel prossimo viaggio scozzese.

  5. Questo è uno degli itinerari più completi che abbia mai letto sulla Scozia! Proprio oggi ne parlavo con dei colleghi che potrebbe essere una meta da tenere sotto controllo quando Ryanair fa le sue offerte!

  6. Sono passati secoli da quando sono stata in Scozia! Mi sa che è ora di tornarci con tutta la famiglia. ho la scusa che, quando sono andata io, Harry Potter non era ancora stato inventato; ma serve una scusa per andare in Scozia, stupenda come è?! 😉)

  7. Questo è uno dei post migliori che abbia mai letto sulla Scozia. L’ho salvato e lo tirerò fuori presto, perchè quest’anno ho intenzione di fare un bel tour in Scozia in primavera. Sperando che il tempo mi assista…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice

Il blog di viaggio che ti aiuta veramente.

Iscrivti alla nostra newsletter