3 cammini in Toscana ed Emilia Romagna

L’Italia è fatta da  camminatori. Certo la maggior parte preferisce stare in tranquillità in spiaggia ma il popolo dei camminatori sta aumentando.  Tanti nuovi appassionati che affrontano non solo i classici percorsi mistici come  Santiago di Compostela ma anche itinerari vecchi e nuovi che uniscono città.

A cammini classici come Santiago di Compostela o la via Francigena oggi si stanno aggiungendo nuovi cammini che stano diventando famosi noi oggi ve ne segnaliamo tre tra Toscana ed Emilia Romagna escludendo l’ormai affollatissimo Cammino degli Dei che unisce Firenze e Bologna.

Prendiamo spunto da scrittori di viaggio che son prima di tutto camminatori.

  1. Il cammino dell’Unione
  2. Il cammino di San Bartolommeo
  3. la via Medicea
cammino dell'unione
cammino dell’unione

Il cammino dell’Unione

Tra i nuovi possiamo sicuramente ricordare il Cammino dell’Unione, progetto ideato da Giuseppe “Leo” Leonelli e da Federica Bergonzini e sostenuto dall’Unione Terre di Castelli e dal Comune di Vignola. 100 chilometri ad anello che parte da Vignola e qui torna.

Tra montagna e pianura, boschi e colline vitate, tra mangiate mitiche annaffiate di Lambrusco incontrando storia e storie. Un cammino da fare con calma con  circa 20-25 chilometri al giorno giusto per godersi il viaggio. Il tempo necessario è di circa una settimana. Ci sono anche strutture ricettive convenzionate.

  • Prima tappa: Vignola- Levizzano, 25 km
  • Seconda tappa: Levizzano-Pieve di Trebbio, 22 km
  • Terza tappa: Pieve di Trebbio-Zocca, 12 km
  • Quarta tappa: Zocca- Guiglia, 19 km
  • Quinta tappa: Guiglia- Vignola, 21 km

Per informazioni Federica 340/2797016 e Leo 339/3317237 Per questo cammino suggerisco la guida di Leo.

cammino di san Bartolomeo
cammino di san Bartolomeo

Il cammino di San Bartolomeo in 5 tappe

Da Pistoia a Fiumalbo, 100 km in uno dei percorsi più belli. Ovviamente è anche un cammino devozionale. Dalla bella città toscana al paese più magico dell’ Appennino ovvero Fiumalbo. Però anche Piteglio nel comune di san Marcello è un luogo magico come tutto il percorso che si affronta. Borghi e boschi. In località “Lolle” sul fiume Lima si trova il  Ponte di Castruccio Castracani (1281-1328), condottiero ghibellino e Duca di Lucca.

Per questo cammino suggerisco la guida di Andrea Cuminatto

  • Prima tappa a Pistoia a Spedaletto
  • Seconda tappa: da Spedaletto a Pontepetri
  • Terza tappa: da Pontepetri a Piteglio
  • Quarta tappa Da Piteglio Ponte di Castruccio a Cutigliano
  • Quinta tappa: da Cutigliano a Fiumalbo
Cattura

Via Medicea in 4 tappe

La Via Medicea  offre un percorso di bellezze naturali e un percorso culturale. 78,9 chilometri che unisce La provincia di Prato a quella di Firenze dove questa rasenta quella di Pisa. Il percorso di distende nel Montalbano un luogo popolato nel medioevo da castelli e borghi fortificati fino alla palude di Fucecchio.

La bellezza della zona portò alla fine del 1400 numerose grandi famiglie a costruire meravigliose ville come appunto la Famiglia Medici.  Le ville Medicee oggi sono quasi tutte Patrimonio dell’Umanità Unesco e in questo percorso sul Montalbano se ne toccano ben quattro.

Poggio a Caiano, Carmignano, Artimino, Bacchereto, Vinci e Cerreto Guidi e fin nella Valdinievole, dando vita ad un vero e proprio paesaggio nuovo.

Per questo cammino suggerisco ancora una guida di Andrea Cuminatto

  • Prima tappa : Prato Artimino
  • Seconda tappa: Artimino Bacchereto
  • Terza tappa. Bacchereto – Vinci
  • Quarta tappa _ Vinci Fucecchio

La prima tappa ci porta alle Cascine Medicee, la Villa medicea di Poggio a Caiano e la Villa medicea “La Ferdinanda” ad Artimino.  Villa di Artimino o dei 100 Camini o Ferdinanda si trova di fronte si trova il delizioso borgo di Artimino. Stupenda e pare che il fantasma del Granduca si aggiri ancora nelle stanze ( leggi il nostro articolo).

Lungo il cammino da vedere: Parco delle Cascine di Tavola, ,Ponte Leopoldo II, Villa Medicea Poggio a Caiano, Museo della Natura Morta, Scuderie Medicee e Museo Soffici, Chiesa di S. Francesco a Bonistallo, Chiesa di S. Francesco e S. Michele e Visitazione, Museo della Vite e del vino, Rocca di Carmignano

La seconda tappa è molto naturalistica. Si può notare come ancora resista la struttura agricola data dai Medici. Le loro ville erano ville-fattorie e qui si dette avvio alla produzione vitivinicola di qualità contraddistinta dall’editto del 1716 di Cosimo III. Qui si trovava anche il Barco reale, , la grande riserva di caccia medicea.

Lungo il cammino: , Villa Medicea La Ferdinanda, Pieve di S. Leonardo, Museo Archeologico Etrusco “Francesco Nicosia”, Necropoli etrusca di Prato Rosello, Pieve di S. Martino in Campo, Abbazia di S. Giusto, Area archeologica di Pietramarina.

Terza tappa: Bosco e campi coltivati accolgono il visitatore in un saliscendi articolato. Il panorama si apre e mostrano bellezza e  maestosità.  Panorami che si allargano dal Valdarno di Sotto, al monte Serra, alle Apuane e all’Appennino pistoiese. Qui una deviazione a Vicni, dove si trova la casa natale di Leonardo va fatta.

Lungo il cammino: Torre di Sant’Alluccio, Chiesa S. Maria Orbignano, Museo Leonardiano

Quarta tappa: Solo 19 km per questa tappa facile che si snoda tra colline dolci. Ci si allontana dal Montalbano e il paesaggio abbandona i boschi  e mostra un territorio lavorato nei secoli, un giardino dolce che Leonardo da Vinci amava ritrarre. Qui si incontra la Villa di Cerreto Guidi con la sua storia di matrimoni e delitti presunti con la Bella storia di Isabella.
Si continua verso Fucecchio, verso il Padule che i Medici fecero regimentare per ottenere terre fertili e un un vasto bacino riservato alla pesca. Da vedere il padule di Fucecchio.

Lungo il cammino: , Villa Medicea di Cerreto Guidi, Museo della Memoria Locale, Palazzo Corsini e Museo

Parco Corsini e Rocca Fiorentina, Fondazione Montanelli Bassi

(Visitato 77 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Alcuni tour che potrebbero interessarti

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su WhatsApp
Condividi su Telegram
Condividi su Linkdin
Condividi su Pinterest
Salva su Pocket
condividi via email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice

Il blog di viaggio che ti aiuta veramente.

Iscrivti alla nostra newsletter