Piazzale Michelangelo Firenze – Una vista unica

Piazzale Michelangelo è il punto panoramico per eccellenza su Firenze. Tutte le città viste da punti strategici si fanno abbracciare e ci permettono di vedere meglio il loro “progetto” di costruzione e la loro bellezza. Firenze ha molte terrazze panoramiche da cui offre un panorama stupendo ma la vista che la comprende meglio è Piazzale Michelangelo.

È un luogo imperdibile in un viaggio a Firenze per turisti e per i fiorentini che si vogliono godere le bellezze dalla città senza il traffico. Da qui si respira Firenze. Ecco cosa vedere.

Firenze panorama dal piazzale foto Roberta Capanni
Firenze panorama dal piazzale foto Roberta Capanni

Piazzale Michelangelo: la storia

Piazzale Michelangelo fu progettato dall’architetto fiorentino Giuseppe Poggi e realizzato nel 1869 sull’onda degli scellerati lavori di Firenze Capitale. Il Piazzale è una delle poche cose buone fatte in quel periodo.
Nell’idea del Poggi c’era quella di creare un museo dedicato al grande artista fiorentino e per questo fece costruire la Loggia che oggi guarda il panorama dietro alla grande terrazza.

L’edificio non ha mai ospitato le opere del Buonarroti ma è un prestigioso ristorante panoramico. Fra il 1890 e il 1935 l’area ospitò i binari della tranvia del Chianti, che collegava Firenze con San Casciano in Val di Pesa e Greve in Chianti.

Il Piazzale Michelangelo permette di vedere i monumenti cittadini quasi da vicino,ì e mostra chiaramente il profilo delle colline che lo circondano con Fiesole, Borgunto, San Francesco, Settignano, Monte Morello e lo sguardo spazia lungo il fiume.

piazzale w
Piazzale Michelangelo Foto di R. C.

Cosa ammirare dal piazzale Michelangelo

Dalla balaustra si fanno foto indimenticabili sia di giorno che di notte. Da qui si vede bene dove sono posizionati i maggiori palazzi della città come Palazzo Vecchio, Il Bargello e le chiese come Santa Maria del Fiore (Duomo), Santa Croce, i ponti sull’Arno, ciò che è rimasto delle mura.

Visibile, infatti, anche il tratto di cinta muraria salvato dai distruttivi lavori di Firenze Capitale, cinta  che la Repubblica Fiorentina affidò a Michelangelo che fu nominato “generale governatore et procuratore costituito sopra alla detta fabbrica et fortificazione delle mura”.

Come arrivare al piazzale Michelangelo

Per arrivare al Piazzale Michelangelo ci sono diverse strade da percorrere sia a piedi, in auto o in bus.

A piedi: anche se la passeggiata sul viale dei Colli è piacevole la cosa migliore per raggiungere a piedi il Piazzale è salire da porta San Niccolò. I parcheggi a Firenze sono costosi e vale la pensa lasciare l’auto in albergo o prendere un taxi se si ha intenzione di soggiornare per diverse ore. ( Per sapere dove parcheggiare a Firenze leggi qui). Si può arrivare

Se già siete in centro calcolate che da Ponte Vecchio ci vogliono circa 30-40 minuti a piedi per arrivare al Piazzale. La passeggiata è bella e in salita ma godrete di un panorama stupendo.

In bus: il bus numero 12 vi porterà fino al Piazzale Michelangelo. fate attenzione agli orari perchè non passa di frequente.

In auto: arrivare in auto si può m,a è vivamente sconsigliato specialmente se avete intenzione di godere un po’ di tutta questa bellezza. I posti auto a pagamento sul piazzale sono poco più di 70 e a sosta veloce. Si arriva prendendo il Viale dei Colli sia dalla parte di Piazza ferrucci sia dall’altro lato della collina cioè dal Piazzale di Porta Romana.

panorama-dal-piazzale- foto di Roberta capanni
panorama-dal-piazzale- foto di Roberta capanni

Cosa fare al piazzale Michelangelo

Sicuramente ammirare il panorama. degustare una bibita calcolando che che i bar qui son abbastanza commerciali e non troverete specialità. Qui la specialità è il panorama. Da non dimenticare di salire alle spalle del Piazzale per l’imperdibile visita alla Basilica di San MIniato al Monte.

Scendendo invece controllando bene gli orari troverete il Giardino delle Rose e il Giardino degli Iris che nei periodi di fioritura sono uno spettacolo unico. Intanto nel vecchio camping situato sulla collina che scende vecchio la città si sta procedendo alla costruzione di un altro parco giardino. saranno preservati gli olivi presenti e il giardino si estenderà per 4 ettari.

Prevista un’area attrezzata per pic-nic, un anfiteatro per letture ed eventi culturali e zone relax.

la loggia Firenze foto R. C.
Ristorante La Loggia. Foto R.C.

Come arrivare al Piazzale Michelangelo

Per arrivare al Piazzale, che si trova a 104 metri sul livello del mare, si può partire da Piazza Ferrucci o da Porta Romana. La strada che ci porta al Piazzale Michelangelo si chiama Viale dei Colli e si snoda salendo verso la collina di San Miniato. Otto chilometri di viale alberato con al culmine l’apertura verso la bellezza della città.  
Arrivando in auto, se non è un giorno festivo e se non ci sono manifestazioni ed eventi al piazzale, si trova facilmente posto nel parcheggio che si trova proprio davanti al panorama.

In bus si arriva con il famoso 13 che passa ogni 20 minuti ma anche di più.

A piedi il piazzale è raggiungibile sia seguendo il viale dei Colli, percorso adatto a chi ama camminare, oppure dal centro città. Salendo dal quartiere di san Niccolò la salita è più ripida ma anche più veloce.

Panorama Firenze notte Foto R. C.
Firenze by night

Un ampio panorama di Firenze

Il panorama, dicevamo, è ampio. Si vede Santa Maria del Fiore cioè il duomo di Firenze con la rossa Cupola del Brunelleschi, Palazzo Vecchio, Il Bargello, Santa Croce, il fiume e i suoi ponti.
Visibile anche il tratto di cinta muraria salvato dai distruttivi lavori di Firenze Capitale, cinta  che la Repubblica Fiorentina affidò a Michelangelo che fu nominato “generale governatore et procuratore costituito sopra alla detta fabbrica et fortificazione delle mura”.

.

(Visitato 292 volte. Solo oggi ci sono state 1 visite a questo articolo)

Alcuni tour che potrebbero interessarti

Articoli di viaggio correlati

Leggendo il post di viaggio sopra, potresti essere interessato a leggere altre cose
sulla destinazione, guarda i nostri suggerimenti in merito.

Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su WhatsApp
Condividi su Telegram
Condividi su Linkdin
Condividi su Pinterest
Salva su Pocket
condividi via email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice

Il blog di viaggio che ti aiuta veramente.

Iscrivti alla nostra newsletter